Home » Benessere » Dalla Svezia, un neurone artificiale che imita quello vero

Dalla Svezia, un neurone artificiale che imita quello vero

Un neurone artificiale che artificiale non è. Comincia con questo mistero la nuova scoperta proveniente dalla Svezia (Karolinska Institutet) grazie alla quale i ricercatori sono riusciti a riprodurre un neurone praticamente simile a quelli veri, con alcune parti biologiche “viventi”, ma fondamentalmente creato dall’uomo. E’ stato possibile grazie alla bioelettronica organica e all’abilità dei tecnici del Karolinska in collaborazione con i colleghi del Linkopig.

Il neurone artificiale è costituito da parti elettroniche artificiali (polimeri conduttori) ma anche da sostanze biologiche simili a quelle che si trovano nei neuroni veri. Esso imita alla perfezione le attività neuronali umane ricevendo i segnali chimici e tramutandoli in scariche elettriche. La scarica elettrica, in seguito, stimola il rilascio del neurotrasmettitore acetilcolina, esattamente come avviene negli scambi normali tra neuroni. In tal modo, oltre a sostituire alla perfezione i neuroni laddove sono danneggiati o mancanti, può essere monitorato come un neurone vero dall’esterno.

Lo scopo di questa invenzione è quello di migliorare le terapie in uso per curare le malattie neurologiche. L’esistenza di un neurone artificiale potrebbe permettere ai medici di andare oltre le cellule danneggiate e ripristinare i collegamenti anche in caso di gravi traumi. Si potrebbe intervenire, in tal modo, anche su gravi casi di paralisi, su problemi legati a tumori o malattie degenerative e recuperare in parte o in toto le funzionalità perdute. E già si parla di “connessioni wireless” anche per i comandi del corpo umano, e di controlli a distanza delle reazioni che nascono proprio dagli scambi elettrici tra neuroni.

admin

x

Guarda anche

Unicef: 17 mln di bambini respirano aria inquinata

Sarebbero almeno 17 milioni i bambini nel mondo costretti a respirare aria molto inquinata. L’allarme ...

Condividi con un amico