Home » Benessere » Tumore alla prostata: importante scoperta a Milano

Tumore alla prostata: importante scoperta a Milano

Importante scoperta a Milano, per opera dei ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele coordinati dal dottor Bellone. Sarebbe stata identificata, per la prima volta, una molecola che avrebbe un ruolo fondamentale nella comparsa del tumore alla prostata. In breve, è la sua azione che blocca le difese del sistema immunitario contro tale malattia, permettendole di espandersi.

I laboratori dell’Unità di Immunologia Cellulare hanno lavorato a lungo su questo tipo di tumore e stavano “inseguendo” da tempo questa possibile causa sebbene non fosse ancora chiaro cosa la scatenasse. Ora, la scoperta della molecola che innesca la proteina Tenascina-C, spiega tante cose. Studiando questa molecola sui topi si è visto che essa esprime la Tenascina-C in grandi quantità nella fase iniziale del male. La Tenascina viene prodotta dalle cellule staminali del tumore, le quali la usano per mascherarsi agli occhi del sistema immunitario e per entrare così, indisturbate, in circolo fin dentro i linfonodi.

Una volta capito questo, e individuando per tempo la presenza di questa proteina nei linfonodi, si può fermare la malattia prima che progredisca o prima che faccia partire le metastasi. Sapendo come fa a mascherarsi, basterà rimuovere questo scudo e il sistema immunitario avrà di nuovo un obiettivo da seguire e distruggere. La Tenascina, si è visto dagli esami, è presente sia nella prostata malata del topo che in quella dell’uomo. Ora che si sa cosa combattere, le terapie potranno essere ben mirate e indirizzate a distruggere solo quella parte e non tutto l’insieme. Ciò significa, come sempre, miglior sopportazione delle cure da parte del paziente, miglior probabilità di riuscita nella cura del tumore e ridurre di moltissimo la comparsa di successive recidive.

admin

x

Guarda anche

Gravidanza: pressione alta e rischio sovrappeso per il bebè

La pressione alta in gravidanza può esporre il nascituro al rischio sovrappeso. A sostenerlo è ...

Condividi con un amico