Home » Benessere » Torino: impiantato pace-maker anti epilessia

Torino: impiantato pace-maker anti epilessia

Solo ieri parlavamo delle ultime scoperte in favore dei malati di epilessia, e oggi arriva la notizia di un intervento veramente innovativo e unico, avvenuto all’ospedale “Le Molinette” di Torino. Qui, una equile chirurgica ha impiantato il primo pace-maker cerebrale anti epilessia su una bambina di soli 4 anni che soffriva di attacchi frequenti.

La bambina, nonostante la giovanissima età, era già vittima di questa malattia e sembravano non avere effetto su di lei i farmaci in uso. Esiste, come già detto, un tipo di epilessia farmaco-resistente, di natura ereditaria e certamente più misteriosa di quella generata da un trauma. Il principio è sempre lo stesso, la mancata comunicazione elettrica tra i neuroni che genera risposte casuali e violente del corpo. Il pace-maker innovativo si chiama “Aspire” e si impianta con un’operazione nella zona del cervello da cui si generano le crisi epilettiche.

Esattamente come il pace-maker cardiaco, che sostituisce il ritmo del cuore quando questo salta un battito, quello cerebrale stimola il nervo vago e ripristina la reattività delle cellule nervose nelle zone cerebrali interessate dalla malattia. Ma non solo. Il nuovo sistema “intuisce” l’arrivo di un attacco epilettico facendo un rapidissimo elettrocardiogramma e a quel punto entra in funzione molto prima che le scariche elettriche si scatenino bloccandole e impedendo che l’attacco avvenga. Se, come previsto, l’impianto funzionerà su questa piccola paziente si potrà pensare di ripeterlo anche in altri pazienti più adulti ma ugualmente affetti da epilessia farmaco-resistente.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico