Home » Benessere » Storia di Laura, 24 anni, che deve morire perché "troppo depressa"

Storia di Laura, 24 anni, che deve morire perché "troppo depressa"

Dove si pone il limite, etico e umano, davanti alla vita e alla morte? In Belgio, Paese moderno e all’avanguardia per molti versi, è stata approvata la legge che consente a persone maggiorenni e capaci di intendere e di volere, di scegliere il suicidio assistito e porre fine alla propria vita. Lo hanno già fatto malati terminali di cancro, persone deluse e disperate… e lo ha richiesto Laura, una ragazza di soli 24 anni.

Laura vive ricoverata in un centro di recupero da qualche anno, perché da adolescente ha tentato il suicidio due volte. E’ una ragazza che tutt’ora ama la fotografia, ama il teatro e la musica, adora cucinare e ama il caffé. Ha tanti amici che la amano e una famiglia che la adora, ma lei è depressa da sempre. Da quando era bambina ha dei “momenti neri” che la scaraventano in una tristezza senza fine con desiderio di morte assoluto. E per questo, per non dover più vivere quei momenti neri, Laura ha chiesto e ottenuto di togliersi la vita con l’eutanasia. E’ lì, adesso, che progetta il proprio funerale mentre fuori scoppia l’estate! Un controsenso che mette i brividi.
Soprattutto perché sappiamo che Laura non è l’unica a vivere con questi sbalzi di umore, con queste “lune storte”, e sappiamo che la depressione si può curare. Esistono psicanalisti, farmaci, nei casi più estremi oggi anche un intervento chirurgico al cervello rimuove la parte “malata” ripristinando il buonumore nelle persone che vivono la tristezza cronica. Insomma, le soluzioni ci sono e sono decine. Laura, inoltre, dalla sua ha anche il tempo. A 24 anni c’è ancora una vita per recuperare la fiducia nel futuro. Ma in Belgio non c’è tempo per la speranza. Se stai male, muori. Questo è tutto. Addio, piccola Laura…. anche se speriamo che ci ripensi prima che sia tardi!

admin

x

Guarda anche

Ecco tutti i danni di San Valentino

Festa romantica, festa sognante, festa dell’amore … Macché! San Valentino a volte può essere deleterio, ...

Condividi con un amico