Home » Benessere » Dalle radici di una pianta, insulina per cosmetici e non solo

Dalle radici di una pianta, insulina per cosmetici e non solo

Una speranza per le cure di bellezza del futuro, ma anche per il diabete e soprattutto per l’ambiente. C’è davvero tanto nella scoperta condotta da un’azienda agricola francese di Laronxe che ha interessato i ricercatori di molte università del mondo. In questa azienda si coltivano, tra le altre cose, delle piante carnivore che sono in grado di produrre insulina.

Le piantine sono a coltivazione idroponica, ovvero non necessitano di troppa terra, quindi nemmeno di concimi o diserbanti e col minimo spreco di acqua, dato che l’innaffiamento avviene per gocciolamento. In tal modo si evitano tanti rifiuti che potrebbero far male all’ambiente ma allo stesso tempo si fa crescere un tipo di pianta che -scopriamo oggi- ha due funzioni: da un lato, “mangia” gli insetti, anche quelli nocivi, dall’altro “spremendo” le sue radici si ricava la preziosa insulina.

Lo chiamano “mungitura”, questo lavoro, e un po’ fa sorridere. Ma il risultato è una sostanza che potrà essere usata, con le dovute lavorazioni, per produrre in futuro prodotti cosmetici a bassissimo rischio allergico, ma soprattutto privi di effetti collaterali. Ma chissà che non possa essere anche usata per aiutare chi soffre di diabete. Da qualche anno si usa già ricavare insulina e ormoni da questo tipo di piante, ma con metodi molto costosi legati anche alla coltivazione. Il metodo idroponico permette di avere gli stessi vantaggi ma con costi quasi azzerati.

admin

x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico