Home » Benessere » Il sindaco delibera: "Vietato morire!"

Il sindaco delibera: "Vietato morire!"

Se fosse una scena di “Don Camillo” e la delibera fosse firmata dal mitico Peppone non ci stupiremmo più di tanto. Ma qui siamo fuori dai romanzi, nella piena realtà di un Mezzogiorno italiano in piena crisi. La firma è di Davide Zicchinella, medico e sindaco del piccolo comune di Sellia, in Calabria. “Piccolo” non per modo di dire, ma veramente… e con tendenza ad avere ancor meno abitanti.

Tra giovani che scappano per studiare, adulti che cercano lavoro altrove, qui rimane pochissima gente e 6 persone su 10 hanno più di 65 anni! Un paesino di anime anziane, se si esclude il sindaco … giovane pediatra dalla fantasia galoppante. E così proprio lui e la sua minuscola giunta comunale hanno imposto per legge a tutti i cittadini di prendersi cura della propria salute con ogni mezzo. Guai a chi sgarra un esame del sangue, una radiografia… guai a ignorare un dolore, un gonfiore, un mal di pancia. La salute innanzi tutto, sempre. Ma c’è davvero in serbo una multa per chi “infrange la legge”?

Assolutamente no, sorride il simpatico sindaco. Tutto ciò che chiede il comune alla propria popolazione è di usufruire di un servizio di convenzione che il paesino ha stipulato con la ASL di Catanzaro in modo da agevolare le visite mediche, le analisi, i raggi e i piccoli interventi. L’idea pare stia funzionando, dato che da giugno a oggi almeno 100 persone si sono recate a fare il check-up! Era una misura che andava presa e, al di là dei titoli scherzosi, la situazione è seria. Sellia rischia di rimanere un paese fantasma … bisogna evitare che questo succeda. Dunque, bisogna evitare di morire, in attesa di nuovi giovani che diano respiro al paese.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico