Home » Benessere » Gli Ospedali Riuniti di Palermo assumono 150 persone

Gli Ospedali Riuniti di Palermo assumono 150 persone

Bilanci in attivo, posti letto sempre occupati, utilizzo dei nuovi dispositivi e attrazione da fuori provincia. Con queste caratteristiche veramente incoraggianti, per un polo sanitario meridionale, gli Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello di Palermo presentano una carta di identità all’avanguardia che promette tempi rosei, almeno per una parte della sanità siciliana.

La struttura è in crescita, presenta un complessivo recupero della produzione aziendale e cifre che mostrano chiaramente come la rinascita tocchi più fronti contemporaneamente. Resistono ancora alcune lacune, ostacoli e criticità di carattere strutturale ma si può fare molto per recuperare e per prima cosa si partirà con le assunzioni. Una “nave” non naviga se non ha marinai a gestirla, e così un’azienda, un ospedale non funzionano se non hanno il personale che copra tutti i bisogni.

Villa Sofia-Cervello dovrà assumere circa 150 persone per coprire il fabbisogno della sanità ma anche dell’amministrazione e della parte tecnica. Mancano, per esempio, 14 dirigenti ma anche infermieri, biologi, e pure ingegneri laddove la ricerca medica sposa la tecnologia. Tutto questo necessita di finanziamenti importanti, almeno 30 milioni di euro solo per le “urgenze” della prima ora e altri 20 milioni circa per completare il tutto. Ora che la situazione sanitaria si sta sbloccando si confida nell’arrivo veloce di tutti i fondi necessari per iniziare immediatamente dalle assunzioni.

admin

x

Guarda anche

Ecco il tumore cerebrale più grande del mondo

Portare dentro il cranio una massa anomala di oltre un chilo e non saperlo! I ...

Condividi con un amico