Home » Benessere » Meditazione: diversi modi per … star bene

Meditazione: diversi modi per … star bene

Oggi si chiama MINDFULNESS, che si può tradurre come “consapevolezza della mente”, ma in generale noi la conosciamo come meditazione. Sebbene la Mindfulness sia qualcosa di diverso, di appena più elaborato del classico yoga oggi si tende a riconoscere le tecniche meditative come vere terapie, buone per corpo e mente.

Obiettivi primari della Mindfulness sono: liberare la mente dai «giudizi» sulla realtà e sulle cose, diventare osservatori sereni, distaccati e oggettivi, potenziare l’attenzione su ciò che ci circonda. In poche parole essere testimoni consapevoli ma non arrabbiati, non disperati. La meditazione non è una sola, ma ha diverse origini e diversi indirizzi. I più comuni sono due: attenzione consapevole oppure concentrazione. La Mindfulness appartiene al primo tipo, lo yoga al secondo.

Tecniche meditative legate al primo tipo possono essere anche la meditazione Vipassana, quella Zen e le pratiche meditative occidentali che si basano sull’eliminare il giudizio… non nel senso di diventare burattini ma nel senso di relegarlo al “dopo”. Prima si diventa coscienti di una situazione e solo dopo si giudica. In tal modo si evitano errori, rabbia e anche cattive azioni che fanno male a noi e agli altri. Al secondo tipo, concentrazione, appartengono invece la meditazione buddista Samatha e le tecniche orientali. Qui si focalizza più su di sé, sul proprio corpo e sulle sensazioni che sentiamo dentro. Non per questo ci si estranea dal mondo, solo si decide di viverlo attraverso la propria essenza. La buona notizia è che qualsiasi tecnica meditativa scegliate, essa fa sicuramente bene… contro lo stress mentale e contro le malattie fisiche.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico