Home » Benessere » Lasciare il partner per l'amante. Davvero la scelta giusta?

Lasciare il partner per l'amante. Davvero la scelta giusta?

In una scena del film “Il Principe delle Maree” la moglie del protagonista diceva: “Da un lato vorrei che questo matrimonio finisse perché non funziona. Ma dall’altro lato, mi dico che se non riesco a far funzionare questo matrimonio nessun altro funzionerà”. Quando si intrecciano relazioni cosiddette “altre”, cioè fuori dalla coppia ufficiale, quando insomma si ha un amante i sentimenti sono contrastanti.

Da un lato si cerca una persona nuova perché quella “vecchia” non ci entusiasma più, dall’altro però la bellezza del tradimento è proprio questo suo vivere “alle spalle”, nutrendosi di bugie, di scappatelle, di emozionanti avventure che non si vivono con il partner di sempre. Spesso, quando alla fine si fa la scelta di mollare il partner e di sposare l’amante, ci si ritrova in una nuova trappola... più deludente della prima, perché davvero non ce lo aspettavamo così! Ma allora conviene ?

Gli psicologi ultimamente stanno rivalutando molte cose, non da ultimo la fedeltà coniugale. Infatti, anche grazie alla crisi, diverse persone non se la sono sentita di avviare una vita parallela, con altri figli, altre case, altre spese e hanno rinunciato all’avventura extra per continuare a vivere la vita di sempre. In questo modo hanno riscoperto il segreto del vero amore, cioè la pazienza. Il sentimento focoso che ha unito due persone, e che col tempo si assesta, per non morire del tutto deve essere coltivato e riscoperto ogni giorno. Un lavoro lento, di pazienza, appunto … che se si impara a far bene può dare ancora anni di soddisfazione. L’alternativa, se no, è quella di inseguire sempre le emozioni forti… e dunque due, tre o quattro amanti, senza mai avere soddisfazione.

admin

x

Guarda anche

Vino, a rischio la vita con 5-6 bicchieri a settimana

Bere più di 5-6 bicchieri di vino a settimana mette a rischio la salute.  L’allarme ...

Condividi con un amico