Home » Benessere » Psichiatria, conoscere i disturbi per combattere i pregiudizi

Psichiatria, conoscere i disturbi per combattere i pregiudizi

Lungo il corso della propria vita una persona su tre, in Europa, fa esperienza della sofferenza mentale, una su quattro nel mondo. A fare il punto sulla crescente diffusione dei disagi mentali sono gli psichiatri riuniti nel 47esimo congresso nazionale, in corso a Giardini Naxos in Sicilia fino a giovedì. Nel 70% dei casi, il disturbo si manifesta prima dei 25 anni di età con una riduzione delle possibilità di sviluppo personale e professionale in una fase della vita decisiva. La sofferenza, frutto della combinazione tra fattori genetici, fattori ambientali e stili di vita, può essere di diversa intensità, gravità e durata. “L’Organizzazione Mondiale della Sanità – spiega Emilio Sacchetti, presidente della Società Italiana di Psichiatria, direttore del Dipartimento di Salute Mentale degli Ospedali Civili, Università di Brescia – ha individuato i cinque pregiudizi che più di tutti tengono lontani i pazienti dagli specialisti che potrebbero aiutarli: credere chi soffre di una malattia mentale inguaribile, improduttivo, irresponsabile, pericoloso. Sono questi luoghi comuni, lontani dalla realtà, che impediscono a milioni di persone nel mondo di accedere a cure che potrebbero o guarire o controllare tali disturbi, come provano le evidenze scientifiche. Persone che, a causa dello stigma, vengono spesso private dei loro diritti di cittadinanza, discriminate, evitate, marginalizzate e a rischio aumentato di abusi. E anche poco curate: si consideri che al giorno d’oggi le Assicurazioni sanitarie non rimborsano le cure per le malattie mentali”.

Un tema spinoso, quello della sofferenza psichica e dei pregiudizi che questo disagio porta con sé. Ecco perché, per combattere gli stereotipi, il tema della Giornata Mondiale per la Salute Mentale 2015 è dedicato alla “dignità”. “Significa – spiega Claudio Mencacci, direttore del dipartimento di neuroscienze dell’ospedale Fatebenefratelli di Milano – creare una cultura della malattia mentale che possa accrescere nella popolazione la consapevolezza che le persone con malattie mentali possono vivere come tutti gli altri, se vengono garantite loro politiche sanitarie e professionali adeguate e interventi fondati su evidenze scientifiche solide, implementando al contempo la ricerca e organizzando campagne di sensibilizzazione”.

admin

x

Guarda anche

Rifiuti, Italia al primo posto in Europa per riciclo

Italia al primo posto in Europa per il riciclo dei rifiuti.  Secondo i dati più ...

Condividi con un amico