Home » Benessere » Boom di persone che eliminano il glutine senza motivo. Gli esperti: evitare confusione

Boom di persone che eliminano il glutine senza motivo. Gli esperti: evitare confusione

Sempre più persone eliminano il glutine dalla loro alimentazione, ma senza un reale motivo scientifico. E gli esperti chiedono cautela. Gli effetti di questa proteina del grano, connessa a una serie di patologie che vanno dalla semplice sensibilità alla intolleranza fino alla vera e propria allergia, potrebbero essere stati sovrastimati. La sua carenza in individui non sensibili né intolleranti potrebbe infatti nascondere problemi non immunologici ma metabolici, per esempio la sindrome metabolica o l’incipiente diabete tipo II. Inoltre, la semplice sensibilità al glutine non ha ancora passato il vaglio della comunità scientifica: quel che è certo è che la dieta senza glutine praticata per molto tempo può comportare riduzione in proteine, fibre, folati, niacina, vitamina B12, riboflavina (perché l’assunzione di grano e derivati è un ottimo apporto di questi nutrienti) ed eccesso di acidi grassi saturi. A spiegarlo, in occasione del “Gluten free day”, è stato Italo De Vitis, presidente del Comitato Scientifico Associazione Italiana Celiachia Lazio e specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva presso l’Unità operativa complessa di Medicina Interna e Gastroenterologia del Policlinico A. Gemelli.

I ricercatori su questo sono d’accordo: va evitata la confusione, dal momento che le patologie certe connesse al glutine, quindi comprovabili con test clinici sicuri, sono: la celiachia, detta intolleranza al glutine, ma che in realtà per le sue caratteristiche biologiche ha un comportamento da malattia autoimmune; e l’allergia al grano, documentabile dall’allergologo con opportuni test, che causa una reale reazione allergica a proteine del grano diverse dal glutine e, come tale, trattabile con dieta da esclusione e talora con farmaci. Diverso è il caso della “sensibilità”. “In relazione al problema della sensibilità al glutine non celiaca a oggi non si possono dare risposte sicure – ha spiegato De Vitis durante il congresso promosso dalla Facoltà di Medicina dell’Università Cattolica di Roma per il “Gluten free day” -: gran parte del mondo scientifico crede alla sua esistenza, ma molti autorevoli ricercatori, da anni impegnati a indagare il problema delle patologie glutine-correlate, restano scettici. Sta di fatto che per quanto esista qualche sospetto sostenuto da studi scientifici – anche di scuole italiane – ancora non esiste la prova certa della sua esistenza”.

admin

x

Guarda anche

Moncler, linea speciale con Kith e Asics

Da Moncler arriva una linea speciale realizzata con Kith e Asics. Per la stagione autunno ...

Condividi con un amico