Home » Benessere » La sorella maggiore ingrassa: ecco perché

La sorella maggiore ingrassa: ecco perché

E’ l’università neozelandese di Aukland a porsi il problema e a tornare sullo studio dell’obesità nei figli primogeniti. Già altri studi avevano confermato la tendenza dei figli maggiori a ingrassare, rispetto ai piccoli, ma nessuno aveva indagato a fondo le cause. Ci hanno provato i neozelandesi, quindi, studiando l’incidenza dell’obesità in coppie di sorelle svedesi.

Sorelle, perché l’obesità è più diffusa tra le donne, svedesi perché pare che i popoli nordici tendano a ingrassare più di altri. Tredicimila coppie sono state seguite dalla nascita all’età adulta, prima che avessero dei figli (la gravidanza avrebbe falsato i dati) e infatti si è visto che se nei primi mesi di vita il peso era simile per entrambe le sorelle, dopo il primo anno le maggiori mettevano in media due chili in più delle minori. E se il fenomeno non veniva controllato, il peso aumentava con l’età portando le primogenite ad essere obese, con un rischio maggiore (+ 40%) rispetto alle sorelle.

Ma se sono figlie degli stessi genitori, perché una ingrassa e l’altra no? Tante le ipotesi, la più diffusa delle quali è la classica tendenza a viziare il primo figlio, a preoccuparsi per lui/lei in modo esagerato, facendolo mangiare più del dovuto per paura che si ammali. C’è anche il fatto che con il primo figlio i genitori hanno più tempo da dedicargli, meno distrazioni, e soddisfano ogni suo capriccio. Ma c’è anche una teoria nuova, scoperta proprio dallo studio di Aukland: nelle primipare, i vasi placentari sono meno larghi perché ancora “nuovi” e dunque i primogeniti ricevono meno nutrimento, in utero. A questa carenza sopperiscono con “tanta fame” durante l’infanzia. Sarà vero? Gli studi dovranno confermarlo. Intanto, però, attenzione all’alimentazione dei vostri bambini primogeniti… soprattutto se femminucce.

admin

x

Guarda anche

Un “codice” sulle pillole per gestire il farmaco

Sapete che cos’è un QR CODE… o “codice QR”? E’ quel qudratino che trovate ormai ...

Condividi con un amico