Home » Benessere » Farmaci per persone sane? Strano, eppure la domanda esiste

Farmaci per persone sane? Strano, eppure la domanda esiste

Sembra strano a dirsi, ma se una persona malata è ovviamente disposta a pagare per un buon trattamento medico, potrebbero esserlo ancora di più le persone sane. Non è una provocazione, ma una considerazione stimata da un economista della Johns Hopkins University, secondo il quale questi ultimi rappresentano un mercato potenzialmente molto più ampio e interessante, anche se in gran parte trascurato, per le innovazioni mediche. Nel suo studio, pubblicato dalla “Review of Economic Studies”, Nicholas W. Papageorge torna a un momento cruciale nella storia farmaceutica: l’invenzione degli antiretrovirali salvavita per trattare l’infezione da Hiv. Un tipo di trattamento prezioso non solo per le persone sieropositive, ma anche tra i molto più numerosi non infetti che temevano di poter essere contagiati in futuro. “Le aziende sono inclini a produrre farmaci per le malattie caratterizzate da un numero maggiore di malati – spiega lo studioso – ma noi diciamo di pensare anche a tutte le persone che potrebbero ammalarsi. Queste, in effetti, sono disposte a pagare molto per la possibilità di avere un medicinale efficace in caso di bisogno”.

Esisterebbe dunque una domanda nascosta: l’analisi di questo tipo di domanda, spiegano, potrebbe in ultima analisi aiutare le istituzioni ad assegnare in modo oculato i fondi per la ricerca. Tornando all’esempio dell’Hiv, gli studi ad esso connessi hanno consentito agli scienziati di scoprire che anche i non infetti volevano che gli antiretrovirali fossero disponibili, quasi come una sorta di polizza di assicurazione. “Ogni volta che c’è una malattia che potrebbe colpirci, saremmo disposti a sborsare del denaro per trovare una cura”, sintetizza Papageorge. Per comprendere il “popolo dei sani”, secondo lui, occorre tener conto del fatto che i comportamenti a rischio presentano alla lunga pericoli per la salute, ma lì per lì sono spesso piacevoli.

admin

x

Guarda anche

Un “codice” sulle pillole per gestire il farmaco

Sapete che cos’è un QR CODE… o “codice QR”? E’ quel qudratino che trovate ormai ...

Condividi con un amico