Home » Benessere » Videogame, per la psiche è nocivo soltanto l'abuso

Videogame, per la psiche è nocivo soltanto l'abuso

Come tutte le cose, anche per i videogiochi vale la considerazione per cui, a renderli nocivi, è soltanto l’abuso perché è ormai nota l’importanza del gioco nello sviluppo della personalità. Un mercato che in Italia vale 893,3 milioni di euro con 29,3 milioni di persone che si divertono con joystick e tastiere, equamente suddivise tra maschi e femmine, e che è stato esplorato dall’incontro “Psicologia e videogiochi, analisi di un fenomeno”, promosso dall’Ordine degli psicologi lombardi. La fascia di età di utenti, secondo i dati raccolti, è piuttosto variegata e i videogiocatori sono in crescita. Inoltre, quasi la metà dei genitori è disposta a videogiocare con i propri figli e oltre la metà delle famiglie pensa che il videogame possa trasformarsi in un ottimo strumento per trascorrere il tempo insieme, con il 60% di queste che ritiene che i videogiochi risultino un ottimo strumento per sviluppare competenze. “I videogiochi sono qui per rimanere e dunque vanno compresi – afferma Luca Mazzucchelli, vice presidente dell’Ordine degli psicologi della Lombardia -. A fronte di questo è necessario lavorare al meglio per rileggere questo fenomeno anche sotto il profilo psicologico”.

Durante l’incontro il videogame è stato paragonato al bisturi, strumento che il chirurgo utilizza per salvare vite, ma che può avere effetti negativi se impugnato da un malintenzionato. Il gioco è presente nella fase di crescita di ogni singola persona, in età infantile tramite mattoncini o bambole si imparano le regole della comunicazione, più avanti l’uso ponderato dei videogiochi ha lo stesso effetto ma più approfondito e personale, calando il ragazzino nei panni del protagonista attivo. Secondo gli esperti, il videogioco ha una grande potenzialità, ma l’abuso può avere effetti negativi anche devastanti. Secondo gli psicologi sono molto positivi alcuni effetti dei videogiochi, per esempio la strategia per superare determinati passaggi, oppure quelli che stimolano il giocatore a provare e riprovare determinate azioni, sino a trovare la corretta soluzione all’enigma.

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico