Home » Benessere » Genitori con la Sclerosi Multipla: ecco le testimonianze

Genitori con la Sclerosi Multipla: ecco le testimonianze

La Sclerosi Multipla è una malattia degenerativa grave che solo in Italia riguarda 68.000, in prevalenza donne tra i 20 e i 40 anni. Colpisce a tradimento persone giovani e attive, riducendole a esseri spesso marginali e pieni di difficoltà nella vita quotidiana. Ma la capacità dell’uomo di farsi forza è davvero straordinaria, e con l’aiuto delle moderne tecniche mediche è anche raddoppiata.

Oggi, donne con la Sclerosi Multipla, possono anche diventare madri, come testimoniano cinque coppie coinvolte nel progetto “Genitori si può, anche con la Sclerosi Multipla”. Le coppie in questione sono miste, in realtà, ovvero in alcune è la donna ad essere malata in altre è l’uomo. Ma se la SM è già un dramma per chiunque, per una donna -che deve includere i nove mesi di gravidanza- lo è doppiamente. Ma gli studi recenti hanno cominciato a incoraggiare le donne anche nella prospettiva di una maternità. Pure perché si è scoperto che, contrariamente a quanto finora creduto, l’aumento degli estrogeni tipico della gravidanza agisce beneficamente sui sintomi della SM ritardando o eliminando le ricadute.

Il progetto, avviato dal Centro per la Sclerosi Multipla della Seconda Università di Napoli e supportata da Merck, andrà avanti per tutto gennaio 2016 e includerà anche una mostra itinerante, dove verranno esposti scatti fotografici e video-racconti relativi alle esperienze di queste coppie coraggiose. Perchè il coraggio ci vuole eccome, dato che nonostante tutto i limiti ci sono e non sono pochi. Ma questi ragazzi, che hanno deciso di farcela, sono carichi di entusiasmo, che a volte è davvero la migliore cura. Per seguire le loro vite, in un “reality” che ha molto da insegnare ai vari “grandi fratelli”, potete anche cliccare sul sito www.genitoriconsclerosimultipla.it .

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico