Home » Benessere » Mente e corpo: se non hai studiato, trasmetti l'ignoranza a tuo figlio

Mente e corpo: se non hai studiato, trasmetti l'ignoranza a tuo figlio

Se non avete studiato, se avete mollato gli studi, se eravate svogliati e troppo pigri per i libri… attenti. Potreste “trasmettere l’ignoranza” a vostro figlio, soprattutto se siete donne. Lo dice una ricerca della University of California-San Francisco dopo alcuni studi sulla trasmissione delle informazioni genetiche tramite il DNA. Una ricerca che si è concentrata soprattutto sui “telomeri”.

Si tratta di molecole che si trovano nella parte terminale dei cromosomi e proteggono contro la perdita di DNA durante la divisione cellulare. Sono una sorta di guscio che ci permette di tramandare informazioni e in base alla loro forma e dimensione funzionano più o meno bene. Studi recenti hanno dimostrato che alcune malattie (come il diabete) o fattori legati all’età possono produrre telomeri più corti e di conseguenza predisporre il bambino a diversi tipi di rischio della salute, incluso il cancro. Ma non si sapeva, prima, che insieme alle informazioni sulle malattie passano anche informazioni legate all’intelligenza e all’intraprendenza. Per cui anche gli studi e il livello di istruzione sono importanti.

Nella ricerca condotta a San Francisco, si è visto che i figli di mamme poco istruite avevano telomeri più corti del 6% rispetto a quelli di mamme “intelligenti”. L’intelligenza non è qualcosa di virtuale e aleatorio, è il risultato di neuroni allenati ed elastici che apprendono in fretta e si adattano velocemente alle situazioni. Dunque è un fattore fisico e come tale si può “trasmettere” fisicamente, da madre in figlio. Oggi più che mai, quindi, con queste informazioni le donne devono puntare alla loro istruzione. Non solo per i vantaggi che ne avrebbero per se stesse, anche in campo lavorativo, ma per quello che possono trasmettere in gravidanza al loro bambino. Il suo successo nella vita, ancora più di prima, dipende dalla vostra buona volontà.

admin

x

Guarda anche

Parkinson: un metodo per alleviare i sintomi

Il Parkinson lo abbiamo conosciuto tutti, in mondovisione, nella sofferenza di Papa Giovanni Paolo II ...

Condividi con un amico