Home » Benessere » Una pillola al posto dell'Holter

Una pillola al posto dell'Holter

L’esame detto “Holter” è una misurazione dei problemi cardiaci che si esegue applicando dei sensori collegati a un piccolo computer e che devono essere indossati dal paziente sotto i vestiti per uno o due giorni. Un esame indolore certamente, ma ingombrante e fastidioso, per molti versi. La felice notizia che viene dal MIT di Boston in collaborazione con Harvard è che presto una semplice pillola potrà sostituire questo esame.

Dentro questa piccola capsula, infatti, viene sistemato un microfono che invia segnali ai sensori sistemati all’esterno del corpo e quei segnali vengono elaborati da un software che misura la frequenza cardiaca e quella respiratoria attraverso le vibrazioni che vengono captate dentro il corpo. I test finora eseguiti hanno confrontato le vibrazioni registrate da questa “pillola” dentro il corpo con quelle registrate dai sensori a pelle e si è visto che i risultati sono perfettamente compatibili. Dunque il metodo funziona, sebbene ancora provato solo sugli animali.

Ulteriori studi sono ora in atto e se tutto andrà bene come sembra, il prossimo passo sarà la sperimentazione sull’uomo. E se già qualcuno pensa all’utilità di un sistema come questo, ad esempio per i militari in missione, allo scopo di monitorare la loro resistenza fisica e il grado di disidratazione durante le marce, i medici stanno fantasticando su come prevedere e prevenire aritmie, infarti, extrasistole e altri problemi cardiaci grazie all’uso di questa pillola meccanica. I ricercatori invece stanno pensando a come combinare insieme la tecnologia della pillola con quella di altri sensori già disponibili e in uso per facilitare il compito e magari avere i benefici della sperimentazione prima del previsto.

admin

x

Guarda anche

Inquinamento prima causa infertilità maschile

L’inquinamento è la prima causa dell’infertilità maschile. Gli ultimi dati relativi alla fertilità degli uomini ...

Condividi con un amico