Home » Benessere » Se la sciarpa causa l'acne, la seta ci salverà!

Se la sciarpa causa l'acne, la seta ci salverà!

Siete giovani e alla moda e una sciarpa al collo ci sta, ci sta tutta. Sia che siate elegantoni in cerca di prodotti di marca, con la sciarpa di lana di cachemire, sia che siate fieri proletari da centro sociale con la kefiah palestinese … oppure appassionati dello scaldacollo o della sciarpa della nonna! Ma attenzione, perché proprio su voi giovani la sciarpa può avere effetti pesanti, come ad esempio accelerare la comparsa dell’acne.

A rivelarlo è uno studio condotto dal dottor Marcello Monti, responsabile di Dermatologia dell’ospedale Humanitas di Rozzano che su “Humanitas Salute”, che definisce il problema proprio col nome “acne da sciarpa”. Riguarda ovviamente gli adolescenti e i giovani, in particolare chi ha predisposizione all’acne, con pelle grassa e brufolosa, o pelle molto sottile. La sciarpa sta a stretto contatto con la pelle di collo e viso e così facendo introduce nei follicoli minuscole fibre oppure sostanze inquinanti “raccolte” in giro. Da lì le infezioni che scatenano l’acne. E’ lo stesso principio già osservato nei cinturini del casco, alcuni anni fa, e che si ripete stavolta con i materiali tessili di questi capi di abbigliamento.

A differenza dall’acne normale, che inizia con gonfiori e dolori, questa parte da arrossamenti e pruriti che poi divengono infiammazione e brufoli infetti. Eppure un rimedio esiste, e non è nemmeno medico. Forse un po’ costosetto, ma magari nel confronto vi fa spendere molto meno che una lunga cura anti-acne. Cioè, indossare una sciarpa di seta sulla pelle e coprire poi questa con la sciarpa normale. La seta non rilascia microfibre e non si insinua nei pori, per cui evita le infezioni. Con la seta a far da barriera, potrete indossare tutte le sciarpe e le kefiah che vorrete.

admin

x

Guarda anche

Inquinamento prima causa infertilità maschile

L’inquinamento è la prima causa dell’infertilità maschile. Gli ultimi dati relativi alla fertilità degli uomini ...

Condividi con un amico