Home » Benessere » Psicologia: il sesto senso esiste, e si attiva in meno di un secondo

Psicologia: il sesto senso esiste, e si attiva in meno di un secondo

Noi lo chiamiamo “sesto senso” o “intuizione” ma in realtà è un antico residuo di un potere molto grande che possedeva il cervello primitivo dei nostri avi. Un misto di istinto animale e potenza razionale che sfiorava la telepatia e che un tempo serviva a salvarsi la vita. Oggi, che abbiamo delegato tutto ai congegni meccanici ed elettronici (anche la capacità di trovare una strada!) stiamo atrofizzando la nostra mente. Ed è un peccato perchè è il miglior computer del mondo.

E il “sesto senso” esiste davvero, oggi lo provano anche ricerche scientifiche. Potremmo sfruttarlo al massimo, se solo volessimo. Al nostro incredibile cervello bastano soltanto 200 millisecondi per captare una situazione minacciosa, sia essa un pericolo fisico o un disagio sociale che ci farebbe star male. Vi è mai capitato di non dar retta a uno sconosciuto che vi chiedeva informazioni per strada e scoprire che era un truffatore pronto a derubarvi? Vi è mai capitato di isolare una persona, anche se non vi ha mai fatto niente di male, salvo poi scoprire che era fasulla e pericolosa? In quei casi è stato il vostro intuito, il “sesto senso”, a salvarvi.

Ma è sempre il “sesto senso” che vi impedisce di salire su una barca se “non vi fidate”, o di partecipare a una gita se “non vi sentite”…. e non vi salvate solo dalla morte ma anche da situazioni sociali poco piacevoli, da interazioni con persone antipatiche e così via. I neuroni percepiscono il pericolo e accelerano la loro attività, un fenomeno molto comune nelle persone ansiose ma che tutti possiamo riscoprire in noi. Lo rivela una ricerca molto seria della Scuola Normale Superiore di Parigi. I ricercatori hanno identificato delle specifiche aree del cervello associate a questo senso del pericolo, e non era mai stato fatto prima. E’ stato anche scoperto che questa speciale attività dei neuroni è associata a caratteristiche visive che il cervello percepisce come “pericolose”… un certo tipo di faccia o di sguardo nelle persone, un certo tipo di equilibrio fisico nelle situazioni. Forse dovremmo fidarci di più di questo nostro potere… perché il navigatore GPS potrà anche facilitarci la scoperta di una piazza, ma ci toglie la capacità di decidere da soli e capire il mondo.

admin

x

Guarda anche

Un vaccino di staminali contro il cancro al seno

Niente facili speranze, si tratta solo di uno studio … il primo passo di un ...

Condividi con un amico