Home » Benessere » Vi ricordate il DAS? Era puro amianto

Vi ricordate il DAS? Era puro amianto

Vi ricordate il DAS? Se avete più di 35 anni sicuramente ci avrete giocato, qualche volta, da bambini. Era una stupenda pasta modellabile grigia, che una volta indurita all’aria aperta diventava bianca e si poteva dipingere con qualsiasi colore. Col DAS abbiamo passato i pomeriggi, lo usavamo durante l’ora di storia dell’arte a scuola, gli artigiani ci facevano i gioiellini per la fiera… oggi scopriamo che abbiamo maneggiato soltanto amianto!

Lo spiega una ricerca inglese che oggi rivela come mai per diversi anni, dal 1976 al 1991, fu perfino tolto dagli scaffali e sembrava essere sparito per sempre. Riapparve invece a inizio anni Novanta, in apparenza simile a come era sempre stato, ma in realtà l’amianto -presente in gran quantità- era stato sostituito con la cellulosa. Gli studi condotti nel frattempo avevano infatti rivelato la pericolosità di quella sostanza che per anni era stata maneggiata da adulti e bambini. Il problema erano proprio i bambini, che non sempre dopo averlo lavorato si pulivano bene le mani e la polvere di DAS che restava sotto le unghie veniva inalata. Oggi qualcuno parla di pericolo tumore (mesiotelioma) per quegli ex bambini oggi tutti quarantenni. Ma gli esperti tranquillizzano. Non è nelle minime quantità di DAS che si annida il pericolo … anche se sicuramente qualche problema alle vie respiratorie e di allergie sarà stato attribuibile a questa pasta. Per ammalarsi di tumore ci vuole una esposizione continua e costante, forse paradossalmente rischiavano più gli artigiani che i piccoli artisti. E comunque, oggi i genitori possono stare tranquilli. Studi scientifici hanno provato che l’amianto è totalmente assente dal prodotto DAS da almeno 24 anni e che quello in vendita ora è sicuro e sano. Via libera alla fantasia, dunque, senza più pericolo di respirare veleno.

admin

x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico