Home » Benessere » Ricerca: Tumori, la prevenzione non basta (e a volte peggiora le cose)

Ricerca: Tumori, la prevenzione non basta (e a volte peggiora le cose)

La prevenzione può non bastare nel prevenire malattie come il cancro, o addirittura l’eccesso di esami e ricoveri può fare peggio. Una ricerca dell’Oregon Health and Science University pubblicata sul “British Medical Journey” affronta il legame tra screening oncologico e salute: “Non è mai stato dimostrato che possa salvare vite umane”, afferma lo studio. “La convinzione che questo tipo di prevenzione possa ridurre la mortalità legata ai tumori, piuttosto che quella generale della popolazione, è errata – chiariscono i ricercatori -. È proprio quest’ultima che dovrebbe essere il punto di riferimento per cui lo screening dovrebbe essere giudicato”.

Nel loro lavoro gli scienziati hanno preso in esame alcuni esempi come lo screening per il cancro alla prostata o al seno: dove esami, sovradiagnosi ed una eccessiva medicalizzazione “possono causare più male che bene”. Lo screening per il tumore della prostata – riporta l’Indipendent – può produrre numerosi falsi positivi “che contribuiscono a oltre un milione di biopsie della prostata in un anno. Queste, a loro volta, possono causare anche gravi danni, compresi il ricovero in ospedale o il decesso. Perché – sottolinea la ricerca – chi ha una diagnosi di carcinoma della prostata ha più probabilità di avere un attacco di cuore o di togliersi la vita l’anno dopo la diagnosi”.

admin

x

Guarda anche

Influenza: vaccino necessario soprattutto per anziani

Un italiano anziano su due si vaccina contro l’influenza. Non è una statistica positiva, sebbene ...

Condividi con un amico