Home » Benessere » Influenza in ritardo … o eliminata del tutto?

Influenza in ritardo … o eliminata del tutto?

Il picco era atteso per Natale. Anzi no, a gennaio. Meglio, a fine gennaio. L’influenza del 2016 sembra una barzelletta e si sta facendo letteralmente “inseguire” nel corso di questo inverno anomalo. E proprio l’anomalia della stagione -con temperature che sfiorano i 23° come se fossimo in maggio!- sta impedendo ai virus di diffondersi.

Il calore, infatti, uccide i micro organismi e i virus possono sperare di vivere soltanto se comincerà a nevicare e ad abbassarsi il mercurio dei nostri termometri esterni. Ma finora tutto lascia pensare che il freddo, per adesso, ritarderà e con esso ritarderà anche la malattia di stagione. I casi stanno aumentando, come è ovvio che sia, ma rispetto allo scorso anno sono molti di meno. Se mai picco ci sarà, potremmo aspettarcelo ormai verso febbraio o marzo … ma se l’inverno resterà “strano” così potrebbe anche succedere che l’influenza non arrivi del tutto.
O meglio, che colpisca qualche soggetto, o che colpisca con sintomi talmente lievi da non dare affatto il disagio che si temeva. Potrebbe anche succedere che dei 4 virus ipotizzati all’inizio se ne presentino soltanto due, o uno solo. Mille ipotesi che resteranno tali finché le temperature non si decideranno a tornare nella norma, ovvero a regalarci qualche giornata sotto i 10°.

admin

x

Guarda anche

Simil-influenza mette a letto 100mila italiani

Sono almeno 100mila gli italiani alle prese con una sindrome simil-influenzale. Le temperature insolitamente alte ...

Condividi con un amico