Home » Benessere » Chi vive "ai piani alti" rischia il cuore

Chi vive "ai piani alti" rischia il cuore

Vivere “ai piani alti” in molti Paesi del mondo significa avere raggiunto ruoli di potere e ricchezza. Non tanto da noi, in Italia, dove le abitazioni sono tutte in condominio e non è raro abitare oltre il 10° piano, ma negli USA e in Canada, dove vivere in un “attico” indica uno status sociale di un certo livello. Eppure questi fortunati ricchi signori, che si permettono appartamenti di lusso con vista su Manhattan e San Francisco Bay rischiano la vita più dei medioborghesi e dei poveri.

La ricerca medica è partita da una statistica fatta dagli operatori del “911” il numero delle emergenze che copre Stati Uniti e Canada e che serve per chiamare polizia, vigili del fuoco e ambulanze, a volte tutti insieme. Chi vi lavora ogni giorno ha potuto constatare che la probabilità di sopravvivenza del paziente si abbassa quanto più si alzano i piani del palazzo in cui abita. Per cui, fino al 20° piano qualcuno ancora si salva, ma dal 25° in su sono tutti decessi. Le motivazioni sono legate non tanto a un fattore fisico, alla pressione o alle altezze, quanto ai tempi del soccorso. Ogni volta che un’ambulanza risponde a una chiamata in un grattacielo si trova davanti situazioni diverse da studiare sul momento.

Ascensori occupati, ascensori lenti, tromba delle scale troppo stretta, numeri di appartamento confusionari… tutto questo rallenta di molto l’arrivo dei soccorritori e non giova a chi si trova in pieno attacco cardiaco, o ictus, o altro. La media dei decessi “da piano alto” infatti deriva dalla mancata assistenza immediata. Quei pochi che si sono salvati erano persone giovani e più resistenti, o persone che avevano accanto qualcuno (familiare, amico, vicino di casa) in grado di fare almeno la rianimazione cardio-polmonare in attesa degli aiuti. Non sarebbe male dotare questi palazzi alti di defibrillatori, così come sono dotati di estintori per ogni piano. Non sarebbe male nemmeno pensarci anche da noi, in Italia, dove spesso l’ascensore è stretto e il malato deve essere trasportato in sedia a rotelle….con gravi rischi per la condizione di salute.

admin

x

Guarda anche

Sesso? D’inverno fa bene più che d’estate

I motivi per far sesso non mancano, non bisogna certo affidarsi alla scienza per trovarli. ...

Condividi con un amico