Home » Benessere » Tumori, scoperto il legame tra cancro e coagulazione

Tumori, scoperto il legame tra cancro e coagulazione

È tutta italiana la ricerca che ha scoperto la stretta correlazione tra difetti della coagulazione e cancro. A coordinare i 55 principali centri di emofilia che hanno partecipato allo è stato Massimo Franchini, direttore del Servizio di immunoematologia e medicina trasfusionale dell’Asst di Mantova, coadiuvato dalla sua équipe. Al coordinamento del progetto hanno collaborato Caterina di Perna e Annarita Tagliaferri, quest’ultima responsabile del Centro di riferimento regionale per la cura dell’emofilia e delle malattie emorragiche congenite di Parma. Tre anni di indagini, su un totale di 1.465 pazienti affetti da malattia di von Willebrand, 92 dei quali malati di tumore, hanno documentato lo stretto legame tra coagulazione e cancro.

La von Willebrand è un raro disturbo emorragico ereditario caratterizzato da un difetto dell’ominimo fattore, una proteina fondamentale per la coagulazione del sangue. In particolare, nello studio si è riscontrata una maggior frequenza di tumori in un sottogruppo di pazienti affetti da questa rara patologia, spiega una nota. Il fattore in questione ha infatti un importante effetto anticancro, essendo implicato nel controllo della proliferazione delle cellule tumorali e dello sviluppo delle metastasi. Gli scienziati ritengono che la ricerca possa avere importanti implicazioni terapeutiche future, aprendo la strada allo sviluppo di nuove terapie basate sul fattore von Willebrand, mirate alla cura o alla prevenzione delle patologie tumorali.

admin

x

Guarda anche

Adesso si può guidare anche con l’emofilia

Le malattie cosiddette “invalidanti” non sono tutte uguali. Se la sclerosi multipla o la narcolessia ...

Condividi con un amico