Home » Benessere » Come proteggere i capelli dall'inquinamento cittadino

Come proteggere i capelli dall'inquinamento cittadino

L’inquinamento dato dai fumi e dalle polveri di carburante, dentro il quale siamo immersi giornalmente nelle nostre città, oltre a far grave danno ai nostri polmoni e alla pelle attacca e distrugge anche la salute dei nostri capelli. I dermatologi ci spiegano come avviene: il fusto dei capelli è come una spugna, e tutto quello che galleggia nell’aria viene assorbito da essi in profondità… dai profumi che usiamo per farci belli allo scarico delle auto.

In questo modo il capello si stressa, si appesantisce e diventa opaco, secco, brutto a vedersi e anche malato! Nel 38% delle persone che si fanno controllare lo stato di salute dei capelli si trova la presenza di dermatite irritativa, che dovrebbe presentarsi solo in certi casi in estate e invece è presente sempre, per colpa dell’inquinamento. Esistono metodi per proteggere i nostri capelli da questo scempio? Sì, e non sono per niente difficili. Al di là di farmaci e lozioni specifiche, che si applicano solo in casi gravi e solo su ordine del medico, possiamo tutti far qualcosa per i capelli anche da noi.

Lavarli spesso, è la prima soluzione. Possibilmente due volte a settimana. Certo, ogni giorno magari è esagerato ma più di una volta in sei giorni sarebbe l’ideale. In secondo luogo, si può proteggere la testa con cappucci (in inverno) e cappellini (in estate), anche gli uomini possono farlo, con i berretti. Fate impacchi ristrutturanti a base di keratina, argan e avena usando maschere che vi consiglieranno sia i dermatologi che gli erboristi. Poi, potete proteggere i vostri capelli anche mangiando tanta frutta e verdura. Date ampio spazio ai cereali, nella vostra dieta, anche loro servono per ridare nuova vita al capello sfatto.

admin

x

Guarda anche

Smagliature come opere d’arte su Instagram

Le smagliature diventano un’opera d’arte su Instagram. Sul profilo social dell’artista Sara Shakeel si possono ...

Condividi con un amico