Home » Benessere » Gravi errori medici: in Inghilterra peggio che in Italia

Gravi errori medici: in Inghilterra peggio che in Italia

Forse in questo momento state leggendo la storia del bambino di 10 mesi morto a Messina dopo un ricovero per una banale febbre. Il bimbo era arrivato in ospedale con una situazione “normale” ma si è aggravato subito dopo ed è morto in due ore. Ora la procura sta indagando, e chissà quanta gente sta parlando “di malasanità”, come noi italiani facciamo spesso senza fermarci a ragionare. Eppure la nostra sanità rimane tra le migliori in Europa, lo prova il dramma che sta scuotendo in questi giorni l’Inghilterra.

In Inghilterra i giornali riportano tutti la morte di un bambino di 20 mesi, Ryan Bhogal (foto), la cui agonia era iniziata circa un anno fa quando quella strana febbre che tormentava i suoi primi mesi di vita non dava tregua. Le analisi, le diagnosi, ma nessun allarme: il bambino era solo raffreddato, allergico, fragile… I genitori non si sono dati per vinti e hanno cominciato a girare il Paese in cerca di una spiegazione per un male che sembrava invece peggiorare ogni giorno. Ma il responso di tanti medici diversi era sempre quello: niente di grave. A settembre, invece, il piccolo Ryan muore. E solo ora, diversi mesi dopo, si scopre che è morto di leucemia.

La cosa sconvolgente è che di tutte le visite che ha fatto il piccolo, TRENTACINQUE in tutto il Paese, e di tutti gli esami a cui è stato sottoposto nessuno ha mai pensato di fargli fare un test del sangue per i marcatori tumorali. In quel caso si sarebbe vista al volo la presenza della leucemia, sebbene la malattia lasci addosso dei segni inequivocabili. Se si considera che i bambini piccoli, se diagnosticati per tempo, possono vincere la leucemia nel 60% dei casi si comprende la rabbia dei genitori e dell’opinione pubblica inglese. Ovviamente ci sono inchieste in corso perché, sebbene la leucemia sia abbastanza subdola da “mascherarsi” bene agli occhi del medico, è anche vero che bastava solo un esame in più, QUELL’ESAME in più che non è stato mai fatto, per individuarla con certezza. E oggi Ryan sarebbe ancora tra noi.

admin

x

Guarda anche

Si testa anche in Italia la prima cura contro la SMA

Si farà in Italia la sperimentazione della prima terapia al mondo per il trattamento dei ...

Condividi con un amico