Home » Benessere » L'abbronzatura crea depressione? O viceversa?

L'abbronzatura crea depressione? O viceversa?

Disturbi dell’umore per colpa del lettino abbronzante? A una prima indagine sembrerebbe di sì, dato che depressioni e ansie sono elevatissime nelle persone -donne soprattutto- che frequentano questi ambienti nei centri benessere. Lo rivela uno studio della University of Massachusetts di Worcester condotto su 74 donne abituate a usare il lettino abbronzante.

I disturbi che si sono registrati in loro sono: depressioni al cambio di stagione, ansie, stress e anche disturbi legati alla percezione di sé che acuivano il senso di disagio e di depressione. Per verificare l’ipotesi, la ricerca ha affrontato una seconda fase in cui, a donne senza alcuna diagnosi di disturbi mentali o emotivi, venivano somministrati degli specifici test di valutazione psicologica. In generale si è visto che, seppur sane, in questo campione di donne erano presenti ansie, depressioni e stress in misura leggermente maggiore che in una popolazione maschile.

Dunque se già di base le donne tendono a subire queste pressioni esterne, quando frequentano centri benessere e lettini abbronzanti, i disturbi crescono in misura allarmante. Ma la seconda ipotesi dei ricercatori americani è che non sia un problema di effetti radioattivi del lettino… quanto al contrario: chi ricorre al lettino abbronzante lo fa perché già si sente inadeguata e insoddisfatta e dunque più depressa delle altre donne. Dunque questo spiegherebbe perché le statistiche danno come più stressate e ansiose le donne che usano il centro benessere. Insomma, non sono le cure di bellezza che aumentano la tristezza, ma al contrario la troppa tristezza che si tenta di alleviare apparendo più belle. Il problema è che non è con una abbronzatura che si cura un problema tanto serio… e quando ci si rende conto di questo potrebbe essere drammaticamente tardi.

admin

x

Guarda anche

Colazione, come renderla sana e completa

Anche se in troppi spesso la sottovalutano la colazione è senza dubbio uno dei pasti ...

Condividi con un amico