Home » Benessere » Leucemia: ecco come si "spegne" in assenza di macrofagi

Leucemia: ecco come si "spegne" in assenza di macrofagi

Una speranza italiana, dal San Raffaele di Milano, per una cura contro la leucemia linfatica cronica, il tumore del sangue più diffuso nel mondo occidentale. I nostri scienziati sono riusciti a produrre uno studio “unico al mondo” che dimostra come la crescita delle cellule leucemiche sia alimentata dai macrofagi, normalmente nati per difenderci dalle infezioni.

Grazie all’analisi molecolare delle interazioni tra le cellule leucemiche e il microambiente, i ricercatori hanno inividuato il problema e stanno cercando un modo per bloccare l’intero fenomeno. Una volta capito come funziona, si può passare più facilmente alla messa a punto di nuove terapie.
Per prima cosa si sono studiati i macrofagi messi a confronto con le cellule di questo tumore, poi si è analizzata la progressione della leucemia in determinati modelli sperimentali e si è visto che in assenza dei macrofagi la malattia regredisce sola, o si ferma del tutto. Attualmente si stanno sperimentando proprio dei farmaci contro l’azione anomala dei macrofagi e la contemporaneità di questa scoperta milanese potrebbe accelerare la scoperta di una cura contro la leucemia.

admin

x

Guarda anche

Ricerca: perseveranza si apprende osservando i genitori

La perseveranza si apprende osservando i genitori. A dimostrarlo uno studio effettuato dai ricercatori del ...

Condividi con un amico