Home » Benessere » Veleno nella birra tedesca? Conosciamo il glifosato

Veleno nella birra tedesca? Conosciamo il glifosato

Paura per possibili sostanze velenose nelle birre tedesche: su 14 “bionde” – Beck’s, Paulaner, Warsteiner, Krombacher, Oettinger, Bitburger, Veltins, Hasseroeder, Radeberger, Erdinger, Augustiner, Franziskaner, Konig Pilsener e Jever- i livelli di glifosato sarebbero risultati superiori alla norma consentita.

Il glifosato è un erbicida, derivante dalla lavorazione del malto d’orzo, molto diffuso in agricoltura. Per la birra non pare esistano limiti precisi, variano da nazione a nazione, ma sicuramente andare tra 0,46 e 29,74 microgrammi per litro è un pericolo per la possibile azione cancerogena di questo erbicida nell’organismo. In Francia si parla già di allarme e si mette in guardia tutta Europa dal consumare queste bevande.
Ovviamente protestano i produttori tedeschi: secondo le loro ricerche, i limiti massimi per l’assimilazione umana sono sempre stati rispettati e lo studio sarebbe poco credibile. Il glifosato in eccesso dipende dal tipo di importazione del malto di orzo. In Germania lo producono da sé e dunque è ben controllato, impossibile che sia finito in quantità eccessive nelle birre. L’accusa quindi viene rimandata a Inghilterra, Francia e Danimarca, da dove arrivano carichi di malto d’orzo e forse è uno di questi fornitori extra il vero colpevole. In Germania il glifosato è vietato nella fase che precede la raccolta, ma viene impieghato per trattare i campi prima della semina.

admin

x

Guarda anche

Cucina vegana? A volte è più grassa dell’onnivora

Siamo sicuri che vegano uguale salute? Non tanto. Prima di tutto perché togliendo alcune proteine ...

Condividi con un amico