Home » Benessere » "Nella natura due volte al di' ", ecco la ricetta del dottor Zarr

"Nella natura due volte al di' ", ecco la ricetta del dottor Zarr

Una passeggiata al giorno toglie il medico di torno. Anzi no, è proprio il medico che la ordina come cura per le malattie, soprattutto se sono malattie pediatriche. Il medico in questione è l’americano Robert Zarr che lavora nella capitale, Washington, dove si occupa anche di pazienti poveri e di immigrati indigenti. E a tutti -ricchi e non- prescrive la stessa cosa: andate a camminare nel bosco. Il dottor Zarr ha una specializzazione in pediatria ma quel che fa bene ai piccoli fa ancora meglio ai grandi.

Ha cominciato proprio dai poveri, che non avevano soldi per i farmaci. Laddove il caso non era troppo grave, il dottor Zarr invitava i pazienti a passare una giornata nella natura, senza pensieri, senza confusione. Solo loro e le piante. La natura è la nostra dimensione primordiale, non solo ci rilassa a livello fisico ma aiuta anche il cervello a ritrovare equilibrio e grinta. Camminare, correre, respirare (meglio se in montagna) rigenera polmoni e circolazione, aiuta il cuore. E nell’insieme, la calma intorno ci dona serenità mentale. Insomma una terapia che cura tutto. Incoraggiato dai primi successi, il dottore ha deciso di aprire un sito internet dove spiega queste sue idee a un pubblico più ampio.

Oltre alla salute dei pazienti, Zarr dal suo sito si occupa anche della salute del verde cittadino che è anche più importante di quello selvatico. Monitora con attenzione ogni parco, aiola, viale e consiglia le amministrazioni e i cittadini su come curarlo. Essere circondati dal verde è talmente importante che dovremmo averne sempre di più, nelle nostre città. Del resto la filosofia di Zarr non è nuova e negli Stati Uniti si cerca di applicare da anni con lo Healthy Parks Healthy People US, progetto lanciato nel 2011, e al quale il medico di Washington certamente si ispira.

admin

x

Guarda anche

Simil-influenza mette a letto 100mila italiani

Sono almeno 100mila gli italiani alle prese con una sindrome simil-influenzale. Le temperature insolitamente alte ...

Condividi con un amico