Home » Benessere » Psicologia: i genitori ridono del cyberbullismo

Psicologia: i genitori ridono del cyberbullismo

Il 91% dei giovani al di sotto dei 18 anni è iscritto ad almeno un social network, l’87% usa uno smartphone, il tutto avviene senza quasi controllo da parte degli adulti. I genitori non sanno praticamente nulla del bullismo che minaccia i loro figli su internet e quel che è peggio… NON VOGLIONO SAPERE. Il Censis lo ha riscontrato durante una delle sue ricerche condotte sul territorio nazionale in cui sono state analizzate 1.727 scuole.

Il “cyberbullismo”, ovvero la moda di insultare, minacciare e umiliare un compagno più debole e solo via mezzi elettronici, esiste ed è una realtà tremenda che ha portato anche al suicidio di qualche ragazzino. I più a rischio sono gli studenti delle medie ma anche al liceo il pericolo è altissimo. Esaminando la totalità degli atti di prepotenza e violenza, solo il 35% avviene fisicamente a scuola, mentre il 77% avviene sui cellulari o sul web. Tra i più diffusi, per esempio, anche il sexting (fotografarsi nudi e usare quelle foto come minacce e ritorsioni).

Una piaga che non ha distinzioni. I bulli sono sia maschi che femmine e si accaniscono su compagni timidi o deboli, anche psicologicamente disagiati. Ma mentre i giovani vivono questo problema come un dramma pesante, al punto che per alcuni diventa invalidante a livello psichico, i genitori minimizzano e ci ridono su. Lo classificano come “scherzi da ragazzi” e non si mostrano minimamente preoccupati. Questo è il segnale gravissimo del perché i bulli continuano ad aumentare e la società si fa sempre più aggressiva e violenta. In famiglia, nessuno più educa i giovani, nessuno spiega ai ragazzi la differenza tra bene e male e nessuno li abitua all’empatia, alla condivisione delle difficoltà, all’aiuto verso i soggetti soli e deboli. Il sistema scolastico ha grande difficoltà a dare continuità all’azione di prevenzione ed educazione, perché queste azioni si bloccano una volta fuori da scuola. In famiglia si preferisce fingere che va tutto bene.

admin

x

Guarda anche

I bambini con l’AIDS e quelli non vaccinati

Il sindaco leghista della ridente cittadina di Vignola (Modena) ha creato scandalo con una frase ...

Condividi con un amico