Home » Benessere » Infermiera toscana in arresto: avrebbe fatto morire 13 persone

Infermiera toscana in arresto: avrebbe fatto morire 13 persone

Prima di parlare meglio andar cauti. Di recente un’altra infermiera accusata di omicidio è risultata alla fine innocente. Certo in questo caso specifico le prove sembrano esserci tutte, pesantissime, e contro di lei. “Lei” è una infermiera professionale in servizio presso l’ospedale di Piombino ed è accusata di aver ucciso nel corso dell’anno 2014-2015 almeno 13 persone.

L’aspetto incredibile della vicenda è che nonostante abbia usato un farmaco estraneo alle terapie scritte nelle cartelle per togliere la vita nessuno tra colleghi e medici ha mai notato anomalie o stranezze nelle sue mosse. Le indagini sono state condotte dai NAS nel corso di tutto lo scorso anno e il materiale sequestrato è imponente e definito “altamente compromettente”. L’accusa sarebbe omicidio plurimo aggravato e continuato. La donna uccideva senza un criterio preciso, quasi soltanto persone anziane ma non per forza malate gravi o in fase terminale. Alcuni erano anche pazienti in prossima uscita, in via di guarigione. Perché allora questi atti criminali senza senso?

Le persone decedute, tutte passate dalla “cura” della donna, sono state trattate con un farmaco “fuori terapia” del quale ancora non si sa nulla se non che non era un sedativo. Insomma, queste persone potrebbero essere morte anche tra sofferenze appositamente provocate dalla donna. In questo momento, in assenza di ulteriori comunicati, si sa soltanto che i sospetti su di lei sono nati perché i decessi avvenivano solo nel suo reparto e solo nelle ore del suo servizio. Non si sa ancora che tattica userà la difesa per giustificare queste “coincidenze” ma finora pare che nulla faccia pensare a qualcosa di diverso di atti deliberatamente crudeli, fatti per uccidere.

admin

x

Guarda anche

Simil-influenza mette a letto 100mila italiani

Sono almeno 100mila gli italiani alle prese con una sindrome simil-influenzale. Le temperature insolitamente alte ...

Condividi con un amico