Home » Benessere » La mano “ricresce” nell’addome

La mano “ricresce” nell’addome

L’uomo, 42 anni, è arrivato in ospedale a Santa Otilia (Brasile) sanguinante dopo un incidente sul lavoro. Aveva appena perso la mano! Recuperato l’arto occorreva ricucirlo ma era impossibile farlo, dato che erano andati distrutti per sempre alcuni tessuti fondamentali. La soluzione poteva essere un trapianto, ma con tutti i rischi annessi e connessi… oppure un terribile arto finto. Oppure…

La mente dei medici brasiliani ha partorito l’idea geniale in pochi istanti. Dare alla mano monca il tempo di riformare almeno un minimo di quei tessuti importanti così da tentare un riattaccamento diretto. Il problema era come trovare il luogo adatto per far ricrescere pelle e fibre al sicuro da ogni infezione… ma anche questo è stato risolto: costruendo una “tasca” nell’addome dello stesso paziente. I chirurghi hanno scavato una cavità nell’addome dell’uomo e hanno messo la mano lì dentro. Quindi l’hanno ricucita al polso e hanno fasciato il tutto in attesa che, nell’arco di circa 6 settimane, intorno alla cucitura ricrescano tutti i collegamenti necessari.
Stando al sicuro, protetta dallo stesso corpo dell’uomo, la mano usufruirà delle cellule e del sangue di cui essa stessa è fatta e sarà così stimolata a rigenerare i tessuti mancanti. A fine periodo, una volta verificato che le parti si sono riformate, la mano verrà sfilata dal ventre e la ferita richiusa. Si spera per il meglio, anche se al momento l’uomo è diventato quasi un fenomeno da circo. Sentirsi le dita dentro la pancia deve essere quantomeno strano … così come andarsene in giro con la posa di Napoleone!!

admin

x

Guarda anche

Pediatria: nel primo anno di vita 4 fasi cruciali per la salute dei bambini

Sono quattro i periodi che mettono le basi della salute e della vita di un ...

Condividi con un amico