Home » Benessere » Fine della guardia medica? I medici fanno sciopero

Fine della guardia medica? I medici fanno sciopero

Da un lato la rivoluzione degli studi medici aperti 24 ore su 24, con turni dei medici che garantiscono assistenza continua. Dall’altro la paura che questa apertura continua non sia invece davvero applicata e che la cancellazione delle Guardie Mediche possa portare ancora più problemi e confusione negli ospedali. Di fatto la legge parla di apertura per 16 ore al giorno.

Significa che a mezzanotte gli studi medici chiudono, e a dare aiuto in caso di emergenze rimane solo l’ospedale pubblico, il famoso “118”. La cosa però non piace proprio a loro, ai dottori. La mancata assistenza da parte delle Guardie Mediche, se sarà davvero così, porterà ulteriori carichi di lavoro ai Pronto Soccorso che già non navigano in buone acque. Alle polemiche seguono quindi le proteste e lo sciopero a lungo minacciato diventa realtà.

E’ prevista per mercoledì 11 maggio la manifestazione – a Roma, piazza Montecitorio, dalle 9 alle 14 – da parte dei sindacati che vogliono da un lato tutelare la professionalità dei medici di famiglia (la loro disponibilità continuata, anche se su turni, potrebbe nuocere alla professione) e dall’altro tutelare i cittadini che senza la Guardia Medica perderebbero un aiuto primario importante. Non è vero, dicono i medici, che l’assistenza sarà allora continuata giorno e notte, ma anzi sarà frazionata e creerà confusione. Inoltre, gli addetti al 118 sono formati per agire in gravi emergenze e non dovrebbero occuparsi di banalità come il mal di pancia o la febbre influenzale. E se mentre soccorrono un bimbo con l’influenza mancheranno di aiutare una vittima di incidente stradale?

admin

x

Guarda anche

Malattie respiratorie sempre più diffuse: ecco regole di prevenzione

Malattie respiratorie sempre più diffuse tra i bambini. Ogni anno il 30 per cento dei ...

Condividi con un amico