Home » Benessere » Menopausa: perché potrebbe far male ai polmoni

Menopausa: perché potrebbe far male ai polmoni

Arriva dalla Norvegia, Università di Bergen, una notizia che mette in ansia il mondo della medicina e anche tantissime donne. Sembrerebbe -ma bisogna verificare ulteriormente lo studio- che durante la menopausa i polmoni delle donne siano in serio pericolo. I danni che lo stravolgimento di quel periodo può portare nell’organismo somigliano a quelli causati da chi fuma 20 sigarette al giorno per 2 anni. La ricerca condotta su un vasto campione (1.438 soggetti di età compresa tra 25 e 48 anni) è stata presa seriamente dall’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine che l’ha pubblicata, sebbene con i dovuti condizionali. I test condotti presso l’ateneo norvegese però sono dettagliati e almeno su quel campione pare abbiano ragioni fondate.

Polmoni in pericolo

Le donne seguite non erano tutte in menopausa ma sono rimaste sotto osservazione per un periodo tale che anche le più giovani infine si sono avvicinare a quell’età o vi sono entrate pienamente. Studiandole per età, peso, altezza, istruzione e abitudine al fumo si sono riscontrati problemi respiratori in quasi tutte, superata una certa età, in particolare quando comparivano i primi segni della menopausa. In particolare si riscontrava una accelerata attività polmonare, quella che causa il “respiro corto”. In menopausa la capacità espansiva dei polmoni e la quantità di aria inalata diminuivano agli stessi livelli dei polmoni di fumatori incalliti, pur senza aver mai fumato!

Perché succede?

Ma perché proprio durante la menopausa i polmoni entrano in un tale serio pericolo? Le motivazioni studiate in Norvegia (ma ancora da confermare) potrebbero riferirsi alle variazioni ormonali che sono tipiche di questa fase della vita delle donne. Gli sbalzi ormonali causano infiammazioni che possono affaticare i polmoni e renderli meno elastici. Ma anche la osteoporosi potrebbe essere una causa. Con la menopausa si accentua e in alcuni casi fa cedere le vertebre che incassano la schiena e riducono lo spazio dei polmoni i quali non si espandono più bene come un tempo. Da qui le difficoltà respiratorie. Le soluzioni? Tenere il fenomeno sotto controllo e fare moderata attività fisica. Non è detto che si risolva ma almeno verrà vissuto con meno ansia e difficoltà.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Luce tablet e smartphone minaccia riposo dei più giovani

La luce di tablet e smartphone mette a rischio il riposo dei più giovani. L’allarme ...

Condividi con un amico