Home » Benessere » Come raccontare storie ai ragazzini sordi

Come raccontare storie ai ragazzini sordi

E se poteste raccontare una fiaba al vostro bambino, come tutti i genitori fanno con i loro bambini, anche se lui è non udente? Un sogno per tanti genitori che vivono questo dramma in casa propria. Un sogno che potrebbe diventare realtà venerdì 16 dicembre, quando –grazie all’impegno di A.P.I.C., l’Associazione Portatori Impianto Cocleare di Torino, in collaborazione con Fondazione Akusia Onlus- partirà proprio nel capoluogo del Piemonte il primo laboratorio di VISUAL STORYTELLING (tradotto: narrazione visiva). L’evento è aperto a tutte le scuole medie e superiori di Torino, ma si allarga volentieri alla città intera, perché un bambino sordo non è purtroppo un caso raro nel mondo.

Ti voglio raccontare…

Il progetto si chiama:  “Hey ti voglio raccontare… laboratorio di storytelling per ragazzi sordi” e intende  avvicinare anche gli udenti a un nuovo modo di comunicare con la sordità altrui. Il laboratorio aiuterà i giovanissimi sordi a scoprire nuove sensazioni ma allo stesso tempo insegnerà qualcosa ai loro genitori, zii e fratelli maggiori. E anche ai loro professori e compagni di classe che hanno la fortuna di sentire. Il laboratorio utilizzerà diversi “sistemi narrativi”,  specialmente quelli per immagini come i fumetti, i fotoromanzi, per invitare i non udenti a comunicare il proprio mondo senza suoni grazie a ciò che vedono i loro occhi. E’ importante la lettura e anche associare ad essa l’inventiva e la fantasia della esposizione.

Sarà un disegnatore professionista a seguire i giovani in questa esperienza, e i libretti pittorico-narrativi così realizzati saranno stampati diventando qualcosa di autentico. La loro stampa sarà seguita dalla diffusione tramite i diversi canali dell’Associazione A.P.I.C. ovvero nelle scuole, ospedali ed enti locali. Dice l’avvocato Lomboni, presidente di Fondazione Akusia Onlus, insieme al presidente di A.P.I.C  Paolo De Luca: “Abbiamo scelto di fare parte di questo progetto perché insieme condividiamo l’obiettivo di migliorare la vita di chi affronta quotidianamente le disabilità comunicative e l’impegno per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche connesse a queste patologie”. Il laboratorio verrà realizzato da venerdì 16 dicembre, con una cadenza mensile,  fino ad aprile 2017: sarà completamente gratuito, e prevederà la consegna ai ragazzi di tutti i materiali realizzati durante il percorso svolto. Gli incontri si terranno presso la Palazzina del Polo Cittadino della Salute del Comune di Torino in c.so San Maurizio 4, ogni venerdì dalle ore 17,00 alle ore 18,30.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Cannella brucia grassi

Cannella spezia brucia grassi. A descrivere le proprietà della celebre spezia è uno studio dello ...

Condividi con un amico