Home » Benessere » Latte vegetale: davvero è migliore di quello animale?

Latte vegetale: davvero è migliore di quello animale?

Si va da un eccesso all’altro. Dagli anni Sessanta in cui lo slogan era: “tanto latte, grazie mamma!”, fino ad oggi in cui si punta il dito contro il latte definendolo “cancerogeno”. Non si dovrebbe dar retta a nessuno dei due estremi, perché il latte animale (di mucca, ma anche di capra e d’asina) non è cancerogeno e fa molto bene al corpo … però non in eccesso. E soprattutto, non tutti lo tollerano. In quel caso, è bene variare con qualche latte di tipo vegetale. Ma sono davvero migliori, questi tipi di latte, rispetto a quello animale?

Perché scegliere un latte vegetale

Latte di riso, latte di mandorla e latte di soia sono i più diffusi e apprezzati, ma esistono infinite varietà di latte vegetale: tratto dall’avena, l’orzo, il frumento, il miglio, il kamut, i legumi come le arachidi o i piselli, tratto dalle noci, dal cocco e perfino dai girasoli!  Almeno 8 milioni di famiglie in Italia si affida a questi “latti” per sostituire quello vaccino. Molti lo fanno per via dell’intolleranza al lattosio, sempre più frequente nelle nuove generazioni. Altri -casi molto più rari- per l’allergia al latte, che si presenta nei primi mesi di vita. Altri ancora per convinzioni religiose. I pediatri dicono che nei primi mesi e magari fino ai primi anni di vita, il bambino dovrebbe bere latte animale dopo aver smesso quello del seno della mamma. Vi sono in esso proteine importantissime per la crescita.

Qual è il migliore?

Il latte si può continuare a bere anche da adulti senza alcun problema, e le migliaia di persone che iniziano la giornata con un cappuccino o col caffé corretto lo dimostrano! Ma in caso di allergie o intolleranze, o in caso di diete o di periodi particolari in cui il corpo “rifiutasse” il latte animale, si può provare quello vegetale. Tra tutti, quello di riso è il più leggero e sano (non contiene colesterolo). Il latte di soia è il più diffuso perché meno grasso, ma è poverissimo di vitamina D ed è associato al rischio di tumore all’utero e alle ovaie, per cui andrebbe preso con molta moderazione. Il latte di avena è molto gustoso e ottimo per tutti gli stati di salute, anche se potrebbe dare problemi ai celiaci. Il latte di mandorla è gustoso e nutriente ma anche fin troppo grasso, per cui usatelo solo se avete una dieta già povera di grassi e zuccheri in eccesso. Insomma, i latti vegetali non sono migliori di quello animale, né più consigliati, ma sono buoni sostituti se davvero ce ne fosse bisogno.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Cannella brucia grassi

Cannella spezia brucia grassi. A descrivere le proprietà della celebre spezia è uno studio dello ...

Condividi con un amico