Home » Benessere » La “macchina del tempo” esiste. Ecco come si torna giovani.

La “macchina del tempo” esiste. Ecco come si torna giovani.

La vecchiaia? Una “malattia dalla quale si può guarire”, come diceva il “professor dottor Guido Tersilli” del grande Alberto Sordi, nel film omonimo che prendeva in giro il mondo delle cliniche di bellezza. Oggi, quella battuta spiritosa, invece è un motto che richiama la realtà da quando alcuni ricercatori statunitensi sono riusciti a “ringiovanire” dei topi anziani del 30% rispetto alla loro età reale usando una terapia genica. Lo rivela la rivista CELL che spiega anche come l’invecchiamento, al contrario di altre “malattie” più complesse, segue un processo a una sola direzione e una volta trovato il modo di invertire la rotta tale processo si ferma e torna indietro.

Riprogrammare le cellule

Il lavoro degli americani è consistito nel creare una sorta di cocktail genetico, usando 4 geni in particolare: Oct-3/4, Sox2, c-Myc, e Klf4. Questi geni possono riprogrammare le cellule (che devono essere staminali del tipo pluripotente indotto – IPS) e farle “tornare giovani” semplicemente per immersione. Le cellule anziane si tengono immerse nel mix genetico per tre settimane, massimo un mese, quindi vengono reintrodotte nel corpo del paziente che comincerà a ringiovanire. La cosa ha funzionato in modo eccellente sui topi ma -cosa ancor più importante- ha funzionato anche su un campione di tessuto umano. Ma attenzione a gridare al miracolo, perché i tempi di riuscita sull’uomo (inteso come organismo umano intero) sono ancora lunghi.

Si torna giovani, ma…

Far ringiovanire delle cellule anziane significa causare al loro interno uno sconvolgimento totale, significa far impazzire la cellula. E questo è il processo con cui si formano i tumori. Il rischio, in questa “macchina del tempo” biologica, è che la giovinezza ritrovata si paghi, in un secondo momento, con uno o più tumori sparsi per il corpo. Per questo motivo occorre studiare bene la cosa prima di proporla all’uomo. I ricercatori americani stanno lavorando, adesso, ad un modo per “allungare” il cocktail genetico, appunto, con antibiotici in grado di contenere il processo di “pazzia” della cellula, in modo da farla ringiovanire quanto basta per avere dei benefici. Per ora si godono i risultati ottenuti in laboratorio su piccole porzioni di campioni umani e sul corpo dei topi, tutti molto incoraggianti. Nei topi, fino ad oggi, i tumori non sono comparsi quindi la strada sembrerebbe quella giusta per …. la vita eterna!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Vivere con cani e gatti migliora la salute dei bambini

Vivere con cani e gatti migliora la salute dei bambini sin dai primi mesi. A ...

Condividi con un amico