Home » Benessere » Come ferirsi con una gomma. Ecco l’ultima follia adolescenziale

Come ferirsi con una gomma. Ecco l’ultima follia adolescenziale

Disturba parlare di certe notizie, perché anche se si scrive per denunciare il fenomeno si finisce per fargli una ingiusta pubblicità e magari chi non ne aveva mai sentito parlare prima vorrà provare. Ecco perché noi cercheremo di descriverlo senza spiegare in dettaglio in cosa consiste, per evitare che qualche “furbo” si metta “in gioco”. Si sa solo che è l’ultima grande e STUPIDA moda diffusa tra i ragazzini americani (anni 11-15) e che per farlo si usa la banalissima gomma da cancellare. Lo scopo è: dimostrare quanto si è “fichi”, resistendo al dolore.

La sfida della gomma

In cosa consiste e come si fa non lo diremo, ma voi genitori sappiate soltanto che basta una gomma da cancellare qualsiasi per procurarsi ferite simili a ustioni di terzo grado sulla pelle. Ferite che poi restano aperte e pronte a qualsiasi tipo di infezione. La “gara” è a chi se ne provoca di più resistendo al dolore. I risultati potete ben immaginarli. Nel migliore dei casi si finisce in ospedale con la febbre altissima. E’ stata una scuola media del North Carolina (USA) a lanciare l’allarme in tutto il Paese e nel mondo e contemporaneamente ha lanciato una campagna di assistenza psicologica per capire cosa spinga dei ragazzini ad azioni tanto idiote.

Giochi di forza

L’adolescenza è l’età difficile della trasformazione in adulti. Si è ancora “piccoli” mentalmente e si vede il mondo senza limiti come quando si avevano 6 anni. Il problema è che si applica quella mancanza di limiti a “giochi di forza” fatti con mezzi da adulti. E così la sfida a chi si ubriaca prima, a chi si lancia da un balcone e a chi si ferisce con una gomma da cancellare. La psicologia deve indagare non tanto sulla voglia di scandalo dell’adolescente (che c’è stata sempre in tutte le epoche) quanto sulla voglia di autolesionismo che si va accentuando sempre più negli ultimi decenni. Se un tempo le sfide erano a chi correva più veloce o a chi si lanciava dalla scogliera più alta in mare, oggi si punta a chi si fa più male di altri. Forse perché i nostri figli vivono in un mondo aggressivo e pieno di speranze disilluse che vengono troppo presto sbattute in faccia ai più piccoli. E dunque perché darsi pena di crescere sani?

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Sesso? D’inverno fa bene più che d’estate

I motivi per far sesso non mancano, non bisogna certo affidarsi alla scienza per trovarli. ...

Condividi con un amico