Home » Benessere » Primavera, tornano le allergie. E non solo ai pollini

Primavera, tornano le allergie. E non solo ai pollini

Oggi entra ufficialmente la primavera, la stagione del sole, delle giornate tiepide e gradevoli, dei fiori … e delle allergie. Ormai è prassi, ogni anno in questo giorno si comincia a pensare a fazzolettini, medicinali, occhi gonfi e tosse. La maggior parte degli “allergici di primavera” soffre per colpa delle infiorescenze di alcuni tipi di erba selvatica o di pianta da giardino, ma la novità del 2017 è che TUTTE le allergie si acuiscono in primavera, non solo quelle ai pollini. Una ricerca condotta da Groupon ha svelato, un po’ per scherzo ma un po’ davvero, a quante cose sono allergici gli italiani nella bella stagione!

L’ufficio e il traffico come il polline

Cos’è che vi fa venire l’orticaria in primavera? Le risposte più divertenti hanno indicato in massa “il capo ufficio”, poi anche “l’ufficio”, “la palestra” è al terzo posto (ci si pensa sempre in primavera per la famosa prova costume!),  le “gite all’aria aperta” che sembrano un obbligo e se non le fai non sei nessuno! C’è anche chi si è dichiarato “allergico alle minigonne sexy” (in maggioranza donne, ovviamente!) e poi chi si è dichiarato allergico alla “vita mondana” a cui si verrà inevitabilmente trascinati. Moltissimi si dichiarano allergici al “traffico” ma questo non è affatto uno scherzo, è una triste realtà.

Polveri e piante fastidiose

Per chi soffre di allergia e di problemi alle vie respiratorie, il traffico in primavera è davvero un problema, c’è poco da ridere. Le polveri sottili altamente inquinanti emesse da molti mezzi e dalle industrie in città si uniscono ai pollini e vanno a irritare profondamente gola e polmoni, causando fastidi fin troppo pesanti. Tosse insistente, attacchi d’asma, naso chiuso e occhi che lacrimano, fino alla febbre e ai dolori di testa. E’ opportuno, in primavera, che soggetti allergici a questi elementi vadano il più lontano possibile dalle città, ma senza finire in mezzo alla campagna. Il mare o l’alta montagna sono le soluzioni ottimali per la loro salute. Si può anche vivere la città al meglio, se si fa attenzione ad alcuni accorgimenti: mai uscire a piedi nelle ore di punta (dalle 9 del mattino alle 18), evitare i parchi, evitare di uscire in giornate di vento. Se proprio volete godervi Milano, Roma e Napoli da allergici aspettate le piogge, che certamente arriveranno. Anche in primavera.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ecco perché l’aerobica fa bene al cervello

Che il movimento fisico faccia bene lo sappiamo tutti e sappiamo anche che, se non ...

Condividi con un amico