Home » Benessere » Come diagnosticare la sterilità maschile via smartphone!

Come diagnosticare la sterilità maschile via smartphone!

Contrariamente a quanto si credeva in passato, non è la donna a “non poter dare figli all’uomo”, anzi tutto il contrario. Nel 50% dei casi è proprio l’infertilità maschile la causa della sterilità di una coppia e questi dati sono usciti alla luce solo “di recente”, quando si è potuti entrare nel corpo umano e conoscerlo davvero. Dunque tutta la ricerca del settore deve rivolgersi prima all’uomo e poi alla donna, e nei centri scientifici di Boston (USA) lo hanno fatto adattandosi perfino ai tempi.

Il cellulare “legge” lo sperma

I ricercatori del Brigham and Women Hospital insieme con il Massachusetts General Hospital hanno sviluppato un test per la diagnosi della infertilità maschile che si applica al telefono cellulare di tutti i giorni e in poche facili mosse fa capire se e come va la salute del seme. Ciò anche per venire incontro ai costi delle visite che sono sempre più esorbitanti e che non tutti possono permettersi. Il test funziona grazie a un lettore ottico che si scarica sullo smartphone e si usa per rilevare i dati di un microchip sistemato in un dispositivo usa-e-getta dove si raccoglie lo sperma. 

Un test molto preciso

Sull’esame di 350 campioni, la precisione nell’individuare infertilità è stato del 98%! Un risultato incredibile per un esame “casalingo” molto più simile a un test di gravidanza da supermercato!  Il tutto si può fare, appunto, nelle comode stanze di casa propria, senza imbarazzi e blocchi psicologici. Si raccoglie lo sperma sull’elemento usa-e-getta, da cui il microchip valuterà la motilità del seme e il dato registrato viene inviato al cellulare che lo visualizza. Facile, veloce, e senza disagi per l’uomo che così potrà anche visionare preventivamente un problema che poi magari andrà ad approfondire con l’urologo. Si attende ora l’OK dell’agenzia del farmaco americana per cominciare a diffondere sul mercato questa nuova idea vincente.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Neomamme: meglio non leggere manuali su come allevare i neonati

Meglio non leggere alcuni manuali su come allevare i neonati. È questo il consiglio rivolto ...

Condividi con un amico