Home » Benessere » Chi dorme poco ha un gene “da gufo”

Chi dorme poco ha un gene “da gufo”

Ci sono persone che proprio non ce la fanno…. a dormire! Vanno a letto tardi con diecimila scuse, si girano e rigirano anche mentre dormono e la mattina saltano giù dal letto alle sei in ogni caso. Sono persone che hanno dei problemi, perché sprecare sonno prezioso prima o poi porta conseguenze pesanti sul corpo e soprattutto sul cervello stressato… ma non possono farci nulla. A loro quelle poche ore bastano davvero, non gli serve un minuto di riposo in più. E da oggi sappiamo che la “causa” di tutto questo è un “gene da gufo” che si portano dentro.

Il “gene del gufo”

Lo hanno scoperto i ricercatori della Rockefeller University e hanno pubblicato le loro convinzioni sulla rivista Cell, descrivendo un vero e proprio difetto genetico a carico del gene CRY1. Si tratta di una mutazione che determina uno dei tanti disturbi del sonno, detto ‘Disturbo della fase del sonno ritardato’ ma la differenza con gli altri è che, in questo caso, la persona non lo percepisce come un problema, non ne soffre. Non sul momento, certo, ma negli anni seguenti potrebbe vederne le conseguenze.

Lo ha rivelato un test

Il “gene del gufo” è stato rivelato da un test su un gruppo di volontari, di diversa età e situazione di vita, chiusi per due settimane in appartamenti privi di orologio. Dovevano regolare i pasti e il sonno solo in base ai loro ritmi naturali e da qui è emerso che chi era abituato a dormire bene dormiva bene anche se si coricava più tardi, magari alzandosi comunque otto ore dopo. Chi invece era un “gufo” tendeva a coricarsi tardi e alzarsi presto pur  non sapendo di fatto che ore fossero. A questo punto si è analizzato il  DNA di questi soggetti, scoprendo appunto le mutazioni a carico di CRY1. La rivela una persona su 75, in media. Si tratta ora di capire perché e da cosa dipende questo difetto. Una cosa simpatica: in inglese “cry” significa “piangere” e in effetti c’è da piangere parecchio se si perde il sonno. Col tempo il corpo ne chiederà il conto, quindi… cari “gufi”… imparate a dormire meglio.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Meningite: perché i media la “cavalcano” tanto?

Fateci caso. Non passa giorno che le notizie non riportino un nuovo caso o un ...

Condividi con un amico