Home » Benessere » Perché sta aumentando il tumore al testicolo

Perché sta aumentando il tumore al testicolo

E’ uno dei tumori maschili che preoccupa di più, forse ancora più del tumore alla prostata perché colpisce i più giovani (età compresa tra 15 e 35 anni) e perché sta aumentando, nella casistica, in modo vertiginoso al punto che si stima di avere entro il 2025 un 30% in più delle diagnosi. Fa davvero paura il tumore ai testicoli, con i suoi 5000 casi annuali solo in Italia, e molti di più in Europa e nell’Occidente in generale. Se ne discute all’Umberto I di Roma presso il seminario  «La salute andrologica: corretta informazione, efficace prevenzione e diagnosi precoce» promosso dall’Università La Sapienza.

Colpisce i giovani e chi ha patologie speciali

Come mai questo tipo di tumore aumenta tanto e come mai tra i giovani? I giovani sono più a rischio perché questo tumore “approfitta” delle cellule in evoluzione durante la pubertà, e quindi dello sviluppo degli organi riproduttivi, per nutrirsi e crescere per questo si sviluppa facilmente nei giovani uomini. Il perché stia aumentando è una domanda ancora senza risposte chiare. Il tumore al testicolo si sviluppa principalmente in soggetti affetti da criptorchidismo (ovvero il testicolo non scende correttamente all’interno dello scroto alla nascita) oppure in chi soffre della Sindrome di Klinefelter e di altre patologie genetiche ereditarie.

Si può guarire

Forse lo stress, l’inquinamento, l’aumento dell’età dei genitori favorisce tali anomalie più che in passato … non si sa ancora con certezza. Per scoprire eventuali problemi ai testicoli per tempo, l’uomo deve fare -come la donna- una autopalpazione manuale alla ricerca di eventuali noduli. Se il testicolo è liscio e non duole non c’è motivo di allarmarsi, se invece si sentono bozzi o punti duri e dolenti meglio farsi visitare. L’aspetto positivo del tumore al testicolo è che , esattamente come quello al seno per le donne, pur aumentando di casistica oggi guarisce di più con percentuali di sopravvivenza ai 10 anni del 90%. Questo anche grazie a una maggiore consapevolezza degli uomini verso le visite di prevenzione che aiutano a scoprire e curare per tempo questa (e altre) malattie gravi.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Tumore alla prostata: salvarsi… di corsa!

Non solo “maratone rosa” … i tumori maschili sono rischiosi come quelli femminili e meritano ...

Condividi con un amico