Home » Benessere » Ecco come la marijuana potrebbe curare l’epilessia

Ecco come la marijuana potrebbe curare l’epilessia

Una delle caratteristiche della marijuana, che fumata in un certo modo diventa una droga pericolosa, è quella di rallentare le funzioni cerebrali, di annebbiare la mente e togliere gli istinti. Un difetto, sicuramente, se dopo ci si mette in auto o se si fa un bagno a mare, perché può portare alla morte. Ma se si applica ad alcune malattie che devastano il cervello potrebbe, al contrario, risultare molto positivo. Lo pensa anche la ricerca della Langone University di New York, pubblicata sul NEW ENGLAND JOURNAL OF MEDICINE.

Il cannabidiolo contro l’epilessia

Il merito è tutto dell’azione del cannabidiolo, metabolita non psicoattivo della Cannabis, che è in grado ad esempio di ridurre di molto le crisi epilettiche. Si è testato su giovani e adolescenti affetti dalla Sindrome di Dravet, che comporta attacchi epilettici congeniti per i quali non esiste ad oggi una cura. Un gruppo campione ha aggiunto ai farmaci palliativi normali una soluzione a base di cannabidiolo, mentre altri hanno continuato come sempre. Dopo il periodo di prova si è visto che le crisi epilettiche diminuivano mensilmente nei ragazzi che avevano usato l’estratto della Cannabis.

Gli effetti collaterali

Il problema di questo farmaco sul quale si sta lavorando è che in alcuni soggetti dà effetti collaterali pesanti (vomito, diarrea, febbre) e non sempre è tollerato. Ma in chi ha potuto continuare i benefici si sono visti in modo evidente nel breve tempo. Adesso certamente si deve continuare a puntare sul cannabidiolo ma cercando di migliorare il farmaco in modo da eliminare anche gli effetti fastidiosi che lascia nel tempo. Un altro punto a favore della marijuana, quindi, che sempre più viene rivalutata come mezzo medicinale. In futuro potrebbe essere sparita del tutto dalle strade, come droga, per essere adottata dalla scienza di tutti i giorni e anche questo è un modo di combattere le dipendenze: estraendo il meglio che c’è… anche da una sostanza allucinogena.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Meningite: perché i media la “cavalcano” tanto?

Fateci caso. Non passa giorno che le notizie non riportino un nuovo caso o un ...

Condividi con un amico