Home » Benessere » Diete: ecco gli orari giusti per i pasti

Diete: ecco gli orari giusti per i pasti

a hungry girl opens the fridge

E se, nonostante la dieta e i sacrifici, non riusciste a perdere peso in alcun modo? Forse il problema non è tanto quel che mangiate o il vostro metabolismo quanto gli orari sbagliati. Infatti ogni tipo di cibo andrebbe associato a un orario perché non tutti i momenti della giornata si affrontano allo stesso modo e il corpo brucia calorie o meno a seconda di cosa fa. Un recente esperimento americano condotto sui topi ha visto come i soggetti che consumavano i propri pasti entro 12 ore perdevano peso meglio di quelli che li consumavano nell’arco delle 24 ore.

Mangiare entro le 12 ore

Per gli uomini funziona più o meno allo stesso modo. Se sappiamo di avere davanti 24 ore piene per consumare i nostri pasti ce la prendiamo comoda e usiamo ogni ora utile per fare spuntini, merende, happy hour e pasti tradizionali. Se invece fossimo costretti -per necessità o cure mediche- a mangiare a orari stabiliti, possibilmente entro un massimo di 10 o 12 ore, mangeremmo di meno e ci muoveremmo di più. Come mai?  Perché i ritmi circadiani – la regolazione di sonno e veglia legata alla luce solare- non comanda solo il ciclo del sonno ma anche il metabolismo. Di giorno si consuma di più perché ci si muove tanto, mentre la sera e la notte il corpo rallenta le su funzioni quindi mangiare tanto significa non digerire bene.

Colazione ricca, cena leggera

Per questo motivo la colazione e il pranzo devono essere sempre ricchi mentre la cena deve essere semplice e leggera. Per questo vanno bene gli spuntini di mezza mattina ma non quelli di mezzanotte. Per questo la pizza con gli amici andrebbe presa tra le 20 e le 21 e non dopo le 23! Altri studi condotti su persone già a dieta, hanno dimostrato che chi pranzava tardi (dopo le due) e chi aveva problemi di insonnia dimagriva molto meno di chi rispettava gli orari, pur seguendo diete simili e con eguale efficacia. Come se ciò non bastasse, mangiare male e fuori orario causa problemi collaterali come aumento del colesterolo, fegato grasso, sbalzi glicemici e problemi di infiammazione di alcuni tessuti del corpo.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Come rimediare (senza medicine) alla spossatezza

Spossatezza non è proprio “stanchezza”. Non è quel senso di pesantezza che passa con una ...

Condividi con un amico