Home » Benessere » Zanzare: attenti all’invasione di questa settimana

Zanzare: attenti all’invasione di questa settimana

Forse non tutti lo sanno ma la settimana che stiamo iniziando oggi sarà la più pesante in assoluto, per quanto riguarda le punture di zanzara. La nuova “invasione” di zanzare tigre, infatti, ha già messo in ginocchio diverse città italiane, più al nord che al sud, e pare che col caldo di questi giorni in particolare altre verranno colpite aggiungendosi alla lista. Le zanzare tigre sono le ultime arrivate in Italia e sono portatrici di malattie come dengue (forte febbre con dolori alle ossa) e come zika (malattia che può causare danni gravi nelle donne incinte) ma le nuove specie che hanno trovato casa nel nostro Paese comprendono anche zanzare africane e coreane. Come fare per proteggersi?

Come proteggersi

Per prima cosa: svuotare i sottovasi delle piante ed evitare i ristagni di acqua, e se avete specchi d’acqua vicino casa (laghetti, fontane, fiumi) evitare di passarvi accanto nelle ore serali;  utilizzare un abbigliamento in cui le parti scoperte siano poche soprattutto dopo il tramonto; applicare repellenti ; usare le zanzariere magari trattate con sostanze repellenti o insetticide; usare prodotti o piante che tengono lontane le zanzare come la candela citronella oppure i gerani; se dovete mettervi in viaggio informatevi sul pericolo zanzare nella zona (in Italia, ad esempio, la pianura padana e la bassa friulana, insieme ad alcune aree del Lazio sono a rischio); infine studiate bene i sintomi di dengue, zika ed encefalite giapponese trasmesse dalle zanzare per poterle riconoscere in caso di emergenza.

Dove andare in vacanza

Se dovete recarvi all’estero, l’emergenza zanzare non vale solo per questa settimana ma sempre. Il ministero degli Esteri di solito fornisce notizie importanti anche su questo argomento e sui Paesi più a rischio. Non parliamo soltanto di Brasile, Caraibi o Corea, perché certi tipi di zanzare ormai sono diffusi in tutto il mondo, e si ritrovano anche negli Stati Uniti o nel freddo nord Europa. Le misure di protezione sono uguali, all’estero come in Italia, ma la misura extra che potete prendere nel caso di un viaggio all’estero è la scelta: magari tra una vacanza in Sud America e una in Francia, optate per la seconda!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

L’influenza blocca i donatori di sangue in tutta Italia

L’influenza ha colpito duro, come previsto. Il picco deve ancora arrivare ma già più di ...

Condividi con un amico