Home » Benessere » Neomamma muore di meningite: contratta da non vaccinato

Neomamma muore di meningite: contratta da non vaccinato

Non ci sono ancora tutte le certezze mai i pezzi del puzzle sembrano condurre tutti in un’unica direzione. La giovane mamma deceduta l’altro ieri, poco prima di dare alla luce la sua seconda figlia, avrebbe contratto una meningite pneumococcica dal suo primo bambino che non era stato ancora vaccinato contro lo pneumococco. In questo caso non ci sono “colpe”, solo un drammatico ritardo dovuto al fatto che il piccolo non aveva ancora ricevuto la vaccinazione per ragioni di età. Ma ciò conferma ancora e ancora l’importanza dei vaccini.

Il bambino non era vaccinato

La donna, 35 anni, sana e mamma di un bambino, era alla scadenza dei nove mesi per dare alla luce la secondogenita ma proprio nelle ultime settimane si è ammalata. Prima una infezione all’orecchio, molto simile a quella che aveva colpito il suo bambino, poi la degenerazione in meningite che ha portato la giovane mamma al coma. A quel punto si è reso necessario far nascere in fretta la bambina col cesareo, ma per la donna non c’è stato nulla da fare. E’ morta pochi giorni dopo. Il dramma di questo dolore si somma, nella vita del marito, alla difficoltà di crescere da solo due figli e anche per questo l’uomo ha già lanciato appelli in favore delle vaccinazioni.

I vaccini salvano vite umane

Il vaccino è importante non solo per chi lo riceve, in quanto lo protegge da malattie anche gravi, ma è importante per tutti perché molte generazioni (nate prima degli anni Novanta) non hanno ricevuto il vaccino sia per la mancanza di alcune vaccinazioni scoperte in ritardo che per la “facoltà di scelta” che è rimasta in vigore fin troppo. Gente che oggi ha 40 anni, 50 anni, che sono genitori e nonni e che possono essere contagiati dai bambini dei “no vax”, non vaccinati per scelta scellerata. Con la conseguenza che divenano “untori” per i coetanei e per gli stessi genitori e parenti. L’obbligatorietà dei vaccini è necessaria più che mai.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

3 commenti

  1. Questo è un articolo fazioso. I parenti della donna hanno smentito che il bimbo abbia contagiato la madre, visto che lui aveva un semplice raffreddore.
    In più, no-vax o pro-vax, i vaccini anti peumococcico e anti meningite rimangono consigliati e non obbligatori, ergo, almeno per questi, vige ancora la libertà di scelta

    • Grazia Musumeci

      Leggendo l’articolo si capisce comunque che NON SI DAVA LA COLPA alla “non vaccinazione”, anche quando il sospetto vigeva ancora. Meglio leggere bene il testo fino in fondo.

  2. Ma la mamma non era vaccinata?

x

Guarda anche

Baby brain, gravidanza affatica la mente

Baby brain, quando la gravidanza affatica la mente. Seppure non se ne conoscano ancora le ...

Condividi con un amico