Home » Benessere » Ecco perché i fratelli minori sono “criminali”

Ecco perché i fratelli minori sono “criminali”

Secondo uno studio del MIT di Boston, e sappiamo che non è certo l’ultimo ateneo!, i fratelli minori in generale, ovvero quelli che seguono la nascita di un primogenito, hanno più probabilità di diventare criminali. Una brutta cosa da dire, soprattutto mentre si guarda il proprio frugoletto che dorme nella culla accudito da sorellina maggiore e fratellino di mezzo … ma possibile?

Troppe coccole e bullismi

Sì, secondo una ricerca condotta per oltre 25 anni su realtà familiari europee (Danimarca) e americane (USA) analizzando i comportamenti dei genitori con i primogeniti, i figli di mezzo e gli ultimi, i fratelli minori. Che siano il secondo figlio, il quarto o l’ottavo… gli ultimi tendono a essere considerati i cuccioli di casa. Coccolati a dismisura dai genitori, viziati dai parenti, spesso sono vessati dai fratelli maggiori per motivi di gelosia o solo perché è nell’ordine delle cose che il più grande tenda a dominare il piccolo. Tutto questo può sviluppare nel “piccolo” di casa una doppia convinzione: tutto piove dal cielo e tutti gli altri mi sono nemici!

Educare tutti allo stesso modo

Da questa convinzione nascerebbe lo spirito ribelle di tanti “figli minori” che si esaspera nel tempo, se non viene corretto, e non è un caso che spesso i criminali arrestati dalla polizia siano i figli più piccoli delle famiglie da cui provengono. Certo, non tutti i fratellini sono destinati a diventare Billy the Kid, ma la tendenza a correre contro ogni regola esiste in tutti, data la loro posizione familiare. Dunque è bene intervenire andando anche oltre gli istinti genitoriali, trattando cioè tutti i figli allo stesso modo. Il piccolo sembra “cucciolo” solo perché ha accanto altri fratelli più grandi, ma non è diverso da loro … non va coccolato più di loro o in modo diverso. Se saprete usare saggezza ed equilibrio darete un indirizzo giusto anche ai vostri bimbi più piccoli. E se vi può consolare, il primo criminale della storia, Caino, era un figlio primogenito!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Allergie alimentari, prevenirle in gravidanza e allattamento

In gravidanza e allattamento è possibile prevenire le allergie alimentari dei più piccoli. A sostenerlo ...

Condividi con un amico