Home » Benessere » Ecco le notizie false sui vaccini

Ecco le notizie false sui vaccini

Inizia la scuola e nonostante la campagna pro vaccinazione già avviata, almeno un terzo dei bambini resta scoperto e in pericolo. Non sempre è colpa dei genitori, bisogna dirlo, ci sono molti ambulatori e ASL di periferia che non sono informate, coordinate e pronte all’assalto dei neo vaccinandi! Ma quel che preoccupa ancora sono le notizie false e gli allarmi inventati che vengono diffusi sia via web che via cartaceo, da certi quotidiani interessati a spargere il panico. Notizie false che noi oggi vogliamo smentire punto per punto.

Non è vero che…

Non è vero che i vaccini causano autismo: la bufala è stata smentita più volte, dato che l’autismo è una malattia congenita che dunque nasce col bambino e non “arriva” casualmente con la somministrazione di farmaci. Non è vero che i vaccini indeboliscono le difese naturali, anzi il contrario! Il vaccino nasce apposta per insegnare al sistema immunitario a difendersi meglio. Non è vero che l’obbligo per 10 vaccini esiste solo in Italia, anche la Francia lo ha approvato (su 11 vaccini!) e in tutta Europa l’obbligo esiste su almeno 5 o 6 vaccini. Non è vero che i vaccini sono somministrati “troppo presto”, l’età è quella giusta perché proprio da piccoli si forma e si rinforza il sistema immunitario.

I vaccini salvano la vita

I vaccini non hanno “gravi effetti collaterali”, possono dare reazioni ad alcuni tipi di organismo, quasi sempre predisposti o più deboli, ma si tratta di un caso su un milione … mentre il morbillo e le altre malattie esantematiche colpiscono, al contrario, milioni di bambini. Non è vero che i vaccini arricchiscono le case farmaceutiche, infatti la loro vendita fattura appena l’ 1,4% …cioè niente rispetto ad altre vendite di farmaci più consistenti. I vaccini non “sovraccaricano” il sistema immunitario, lo aiutano e basta. Infine -e questa è la bufala più grossa di tutte- non è vero che i vaccini “rendono infetti”: sono fatti con gli stessi virus della malattia, ma indeboliti e resi innocui, in modo che il corpo li possa studiare e riconoscere quando attaccheranno nella loro vera forma più potente. I vaccini funzionano così dal 1800, e non hanno mai ucciso nessuno. Sono anzi il motivo per cui in Europa si è smesso di morire di malattie comuni (come l’influenza o il morbillo) che fino al 16° secolo uccidevano come la peste. I vaccini sono progresso e futuro … l’ignoranza invece è il medioevo più profondo.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

UE: in Italia la sanità funziona (e i no-vax sono cattivi!)

Promossi! L’Unione Europea, nella persona del Commissario per la Salute Vytenis Andriukaitis, dichiara davanti a tutto ...

Condividi con un amico