Home » Benessere » Influenza: ecco come sarà quella del 2018

Influenza: ecco come sarà quella del 2018

Sappiate un piccolo segreto… l’influenza dipende dal clima! Proprio così, i virus che di solito la causano prediligono il clima freddo che li aiuta a diffondersi in fretta negli ambienti chiusi, mentre con il caldo la loro vita si accorcia di molto. Per questo lo scorso anno, con un inverno meno freddo del solito, l’influenza stagionale è arrivata tardi ed è durata poco. E quest’anno? Il freddo sembra già premere alle porte, quindi potrebbe essere un’annata normale, dal punto di vista di clima e di malattie.

Tre virus per l’influenza 2018

I medici comunque rassicurano: dovrebbe essere, quella del 2018, una influenza di “media intensità”. Significa relativamente banale ma con picchi di gravità che potrebbero colpire le persone più deboli, come anziani, malati e bambini. Per questo è sempre consigliabile fare il vaccino a inizio stagione, vaccino che si sta preparando proprio in queste settimane per essere pronto a breve. I ceppi influenzali previsti per iol 2018 dovrebbero essere i classici H3N2 e virus B, ma potrebbe anche arrivare una variante della cosiddetta “Americana”, il virus Michigan AH1N1, sebbene in versione meno aggressiva. Ne sapremo di più nei prossimi giorni, per il momento i consigli su come “prepararsi” sono sempre gli stessi.

Previsti circa 5 milioni di casi

Curare bene l’igiene di mani, naso e bocca, evitare luoghi chiusi affollati nel periodo del picco massimo, evitare di uscire se si hanno le prime linee di febbre, seguire i consigli dei medici e, ovviamente, vaccinarsi per tempo. Anche se l’influenza è data come “poco aggressiva” non va mai sottovalutata, per evitare sorprese spiacevoli. Si prevedono comunque 5 milioni di persone a letto, con un numero molto basso di casi gravi. Nel 2016, quando l’influenza fu simile a questa, i casi gravi furono 162 e di questi 68 morirono. Il resto lo farà il clima e la velocità o meno con cui arriverà la prossima primavera.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Catania: la psicosi morbillo fa aumentare le vaccinazioni

Oltre duecento i casi di morbillo in un solo ospedale di Catania, e tra questi ...

Condividi con un amico